Pfas, Benedetti (M5S): “con i genitori per pretendere acqua libera da Pfas”

- Pubblicità -

“Il principio di precauzione, che dall’inizio della vicenda legata all’inquinamento da Pfas è troppo spesso stato dimenticato, deve continuare ad essere il caposaldo assoluto per qualsiasi decisione”. Così interviene la deputata del Movimento Cinque Stelle Silvia Benedetti che torna ancora una volta a schierarsi al fianco delle mamme NoPfas dopo la scelta dell’amministrazione comunale di Montagnana di sospendere l’approvvigionamento di acqua esclusivamente in bottiglia per le scuole.
“E’ chiaro -continua Benedetti- che in una situazione normale chiunque vorrebbe poter utilizzare serenamente e per ogni utilizzo l’acqua del rubinetto piuttosto che spendere risorse per avere acqua in bottiglia anche per cucinare cibo nelle mense. Ma quella che si sta continuando a vivere nella zona rossa è tutt’altro che una situazione normale, ed è più che lecita la costante preoccupazione dei genitori, che dopo come è stata gestita tutta queste emergenza è normale che non si fidino più, tanto più di certe amministrazioni pubbliche. L’intero territorio compromesso o minacciato dalla contaminazione della falda non può che pretendere una nuova fonte dalla quale aver garantita acqua pulita.”
“Come ci si può viceversa fidare – chiede la portavoce pentastellata – quando in ballo ci sono salute e futuro dei propri figli, di istituzioni che per anni hanno latitato sulla questione, hanno smentito e rimpallato responsabilità, hanno fornito garanzie che poi non si sono dimostrate tali.”
“Decine di migliaia di cittadini hanno per anni consumato acqua inquinata da veleni dei quali ancora non si conoscono con certezza gli esiti nel tempo, ora non è più nemmeno accettabile il rischio di continuare a consumare acqua nella quale ci sia anche solo 1 nanogrammo di Pfas. E la risposta a questa emergenza. che ormai perdura da quasi cinque anni la ribadiamo ormai da tempo: bisogna intervenire in modo straordinario per fornire definitivamente e al più presto una nuova fonte e va assolutamente bloccato ogni tipo di sversamento di queste sostanze.”

-Pubblicità-