Montebello Vicentino, intitolazione della Cittadella degli Studi a Pierantonio Costa, il “Perlasca” d’Africa e inaugurazione della nuova palestra comunale

573
pierantonio costa

A Montebello Vicentino è stata istituita la Cittadella degli Studi, intitolata a Pierantonio Costa, il Console italiano in Ruanda, di origine montebellana, che salvò circa 2000 persone durante il genocidio avvenuto nel paese africano e che dall’anno scorso riposa nel cimitero di Montebello. Nello stesso giorno è stata inaugurata la nuova palestra comunale.

La giornata si è aperta alle 9.30 con un Consiglio comunale straordinario presso la Sala consiliare per deliberare l’intitolazione a Costa. Alle 10.30 il via alla cerimonia presso la Cittadella degli Studi in via Giovanni Gentile, con gli interventi delle Autorità e degli studenti dell’Istituto Comprensivo di Montebello Vicentino (che hanno ripercorso la storia di Costa), lo scoprimento della stele a lui dedicata, posta all’ingresso della Cittadella, l’inaugurazione della nuova palestra di Montebello e la presentazione dell’“Albero dei Giusti”. Il tutto alla presenza dei famigliari del Console, un uomo che rientra appunto nella categoria dei Giusti, in quanto individuo normale che ha saputo comportarsi in modo straordinario.

“Mi preme sottolineare il grande esempio di umanità e di senso civico che caratterizzò l’esistenza di Costa – ha detto il sindaco Dino Magnabosco durante il Consiglio comunale –. Un diplomatico che, mettendo in campo tutte le risorse che il suo ruolo gli consentiva di avere, non ha esitato a mettere in pericolo la sua stessa vita per salvare quelle degli altri. Non si è tirato indietro di fronte alle enormi responsabilità che era stato chiamato ad affrontare. Che il suo esempio sia da stimolo, nel nostro piccolo, per noi Amministratori comunali e per tutti noi cittadini. L’altruismo che lo ha contraddistinto sia da faro per le nostre azioni quotidiane”.

La Cittadella degli Studi riunisce le strutture dell’Asilo Nido Comunale “Il Sorriso”, della Scuola dell’Infanzia “Don D. Giarolo”, della Scuola Primaria “G. Cederle” e della Scuola Secondaria “A. Pedrollo” (gli ultimi due plessi fanno parte dell’Istituto comprensivo di Montebello, Gambellara e Zermeghedo) e la nuova palestra comunale, realizzata grazie ad un investimento comunale di 1.300.000 euro e ad un contributo statale di 700.000 euro, per un totale, quindi, di due milioni di euro. Al mattino viene utilizzata dagli studenti, che per le lezioni di educazione fisica non devono quindi più spostarsi al Palazzetto dello Sport, e al pomeriggio e alla sera dalle società sportive del paese, per le quali si registrava una carenza di spazi.

Ha una superficie di 1.200 mq ed è all’avanguardia dal punto di vista energetico, grazie alla coibentazione secondo le tecniche più moderne. Un occhio di riguardo è stato inoltre dedicato all’isolamento acustico, affinché possa essere utilizzata anche per altri tipi di manifestazioni. “Ora consegniamo idealmente la palestra a tutta la comunità, partendo dagli studenti e arrivando fino alle società sportive – ha concluso il sindaco –. Fatene buon uso, divertitevi, coltivate il sano agonismo. Lo sport è innanzitutto gioia e benessere. Approfittate di questa struttura nuova di zecca per coltivarli”.

Comune di Montebello Vicentino