Raccolta rifiuti, mobilitazione Usb per salute e sicurezza sul lavoro

- Pubblicità -

Parlano i freddi numeri – è scritto in un volantino che sta distribuendo nei posti di lavoro e tra i cittadini sulle problematiche legate al lavoro della raccolta rifiuti Germano Raniero del sindacato Usb per la Giornata nazionale di mobilitazione per la salute e la sicurezza sul lavoro nelle aziende di Igiene Ambientale del 1 Ottobre 2018 – nel 2017 641.000 sono state le denunce all?Inail di infortuni di cui quasi 9.000 nel settore dell? Igiene ambientale e affini e 1.112 denunce di infortuni mortali di cui circa il 3% nel settore, e questi sono dati che non rilevano il sommerso e il non denunciato ma evidenziano comunque una diffusa micro o macro elusione delle norme di sicurezza e peggioramento delle condizioni di salute in questo settore di per sé esposto a forti rischi.

E? ormai un bollettino di guerra con morti quasi quotidiani, vite e famiglie distrutte sulla trincea del lavoro sacrificato nella guerra dei profitti. Al 3 settembre 2018 sono 496, erano 453 nel 2017 +8%.  gli omicidi sui luoghi di lavoro oltre 900 con i morti sulle strade e in itinere e il dato non può che peggiorare, se non ci sono interventi concreti a partire dai singoli posti di lavoro. Noi li chiameremo sempre OMICIDI sul lavoro. Oggi la questione sicurezza è sotto gli occhi e sulle bocche di tutti ma sta tutta sulla pelle dei lavoratori e – come in una assurda roulette russa – quotidianamente pesa e incide sulla salute, sulle condizioni fisiche e morali dei lavoratori e, sempre più spesso, arriva a schiacciarne la vita.

Questo ha dei precisi responsabili che sono:

-imprenditori, spesso società partecipate pubbliche, e appalti e sub appalti che non forniscono i dpi, non organizzano in maniera adeguata i servizi e premono sui tempi e la produttività aumentando il rischio di infortuni anche mortali, né introducono tecnologie e innovazioni che migliorino la qualità del lavoro e dei servizi, non rinnovano e manutengono il parco mezzi.

– non ostante buone leggi, sulle condizioni di salute e sicurezza pesano gli aumenti di carichi di lavoro e l?ultimo rinnovo ccnl incidendo sull?orario ha di fatto aumentato i rischi per la salute e d?altro canto, con le penalizzazioni economiche introdotte per le malattie, così come gli accordi aziendali di produttività, siglati dagli stessi firmatari del ccnl, continuano a sacrificare sull?altare dei profitti incidendo su un lavoro già di persè usurante e esposto a fattori di rischio notevoli

– carenze nei controlli e verifiche. Con lo smantellamento della P.A. in atto, il numero degli ispettori è calato dai 4.000 del 2010 fino ai 1.945 del 2017, come unità adibite alle ispezioni. In tutta Italia sono meno di 2000 i tecnici della prevenzione dei servizi Psal ? operatori della sicurezza sul lavoro con qualifica di Ufficiali di Polizia Giudiziaria ? che dovrebbero garantire i controlli per la sicurezza sul lavoro nei confronti di una platea complessiva di circa 3-4 milioni di aziende. Troppo pochi per svolgere adeguatamente un compito così delicato.

– i capitolati d?appalto spesso puntano a ridurre i costi e aumentare le produttività e, con le recenti modifiche dei sistemi di raccolta, questo ha un diretto impatto sui lavoratori.

Ora Basta! Vogliamo vera sicurezza, ne va della nostra di salute e della nostra di vita!

-Pubblicità-