Radio Vicenza rompe il silenzio vicentino, presenta “BPVI. Bugie Popolari Vicentine” e non obbedisce al MinCulPop locale

- Pubblicità -

Il 14 maggio abbiamo presentato nella sala convegni di Apindustria Vicenza il libro dossier “BPVi. Bugie Popolari Vicentine“. All’evento era totalmente “desaparecido” Otello Dalla Rosa, il candidato sindaco di centro sinistra, quello che fa campagna non dedicando una sia pur minima, reale, attenzione alle migliaia di concittadini vittime della truffa di sistema della Banca Popolare di Vicenza made in Gianni Zonin & suoi amici, e colleghi di Cda, tra cui il precedente presidente di Confindustria Vicenza, Giuseppe Zigliotto, (membro del cda BPVi a Vicenza) e il suo successore Luciano Vescovi, vice presidente della posseduta Banca Nuova a Palermo, tutti storicamente vicini ad Achille Variati.


Evidentemente il successore che il mondo di Variati vuole che gli succeda, perchè nulla di buono succeda?, preferisce sfruttare il ben più “comodo” dossier (ci fa sorridere e piangere insieme chiamarlo così) fatto di copia e incolla di like, frasi e foto di alcuni innocui, anche se allucinati deficienti, fascisti o parafascisti che vengono giustamente associati al competitor di centro destra Francesco Rucco, che, però, un atto molto non fascista lo ha compiuto il 14 maggio, quando, bloccato realmente in maniera imprevista dal funerale della moglie di un suo caro e notissimo amico, non è potuto venire di persona, come hanno fatto gli altri candidati sindaco, meno l’Otello di Vicenza, ma si è subito fatto rappresentare da una sua folta delegazione.

Ricordato agli anti fascisti di maniera di oggi (con ricchi uffici stampa armati di tasti avvelenati) che i loro padri e nonni combatteremo, con le armi e col rischio della vita, per tutte le libertà, tra cui, fondamentale, quella della stampa libera dai condizionamenti del potere, il 14 maggio non era assente solo il mondo (di mezzo?) di chi politicamente e finanziariamente ha governato la città, ma, presente addirittura l’inviato da Roma di La 7, non si è vista traccia di tutta la stampa locale cartacea, televisiva e web anche se, noi sognatori, pensavamo che avessero un sussulto di orgoglio almeno gli altri media se non proprio i colleghi più dignitosi del quotidiano di Confindustria tirati in ballo per le fake news della BPVi da diffuse da loro vicini di scrivania.

Non solo il sussulto non lo hanno avuto ma del libro, che sta andando come deve andare un libro denuncia di questo tipo, un vero dossier agli atti della Commissione di inchiesta sulle banche venete (lo trovate nelle migliori edicole e in librerie, presso la nostra sede di Vicenza Strada Marosticana 3 oppure qui per acquistarlo online o su Amazon.it) nessuno ha parlato, finora, per compiacere il vicentino MinCulPop, versione odierna del Ministero della Cultura Popolare, il motore della macchina del consenso fascista.

Nessuno aveva parlato finora perchè stamattina Radio Vicenza, una emittente indipendente della città, ci ha ospitato nei suoi studi a Vicenza Ovest e Matteo Leandri, durante la sua trasmissione di intrattenimento “Tutti in centro“, ci ha intervistato catturando con intelligenza e curiosità da cittadino l’attenzione dei suoi ascoltatori, cosa non fatta dai giornalisti.

Lui che giornalista non è…

-Pubblicità-
Ho il piacere e l'onore di dirigere questa testata. Dopo un'iniziale esperienza come ricercatore volontario universitario (1976-77) e il servizio militare in Marina Militare come ufficiale di complemento (1976-78) ho maturato varie esperienze di vertice, nazionali e internazionali, nel settore delle telecomunicazioni e dell'informatica (1978-1993), ho ricoperto cariche in Confindustria Roma e Apindustria Vicenza, quindi mi sono occupato di marketing e gestione sportiva (volley) anche da vice presidente della Lega di Pallavolo Femminile di serie A, per poi concentrarmi direttamente dal 2008 sulle edizioni giornalistiche(VicenzaPiù.com, da me fondata nel 2006, ora ViPiu.it, Bankileaks.com, LaPiù.Tv e LaltraVicenza.it). La testata web, nata come settimanale cartaceo nel 2006, è da sempre un quotidiano web di approfondimenti su informazioni e di libere opinioni su Veneto (focus Vicenza), Nord est, Roma (Lazio), Latina con Riviera di Ulisse e Italia con uno sguardo su Europa e mondo. Sono giornalista professionista iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Lazio