S. Antonio di Valli del Pasubio, la contrada Bariola è dedicata ai mestieri di una volta e alle persone vissute nel primo Novecento

591

La frazione di Sant’Antonio di Valli del Pasubio (Vi) è un bellissimo borgo di montagna, conosciuto per il noto “Magico Presepe di Contrà Bariola“. Ma siamo sicuri che si tratti di un semplice presepe? Abbiamo scoperto, passeggiando in questa caratteristica e spettacolare contrada, che qui rivivono gli abitanti che vivevano qui nella prima metà del Novecento.

Contrà Bariola a S. Antonio di Valli del Pasubio. Foto: Marta Cardini
Contrà Bariola a S. Antonio di Valli del Pasubio. Foto: Marta Cardini

Nelle vecchie case, ora disabitate, ci sono le statue, che parlano e si muovono, degli abitanti della contrada di un secolo fa e che continuano a lavorare…

I mestieri di un tempo in Contrà Bariola.
I mestieri di un tempo in Contrà Bariola. Foto: Marta Cardini

Passeggiata tra i vecchi mestieri

E così è possibile fare un bel viaggio tra i mestieri di una volta, tra la gente povera e semplice della comunità di montagna. Si cammina proprio in mezzo alle persone che vivevano qui nel Primo Novecento, che sono state riprodotte con gli stessi lineamenti sottoforma di statue che sembrano quasi persone reali. Fuori da ogni casa c’è la foto della famiglia che ci abitava. all’interno c’è la stessa famiglia riprodotta a grandezza naturale. Più di 65 personaggi sono dislocati per le vie, le case, le stalle e i pergolati.

bariola
Una suora accudiva i bimbi di un asilo. Foto: Marta Cardini

Si tratta di un’esperienza unica. si viene accolti da una statua che presenta la Contrada con un violino e una filarmonica e poi si trovano stalle con donne che lavorano a maglia e fanno filò, donne che fanno la pasta, la polenta, il pane, uomini che lavorano come falegnami, fanno cesti, trasportano legname o che suonano la fisarmonica. C’è anche chi dorme, dopo aver bevuto del buon vino distillato in cantina e poi russa… E’ piacevole e divertente vedere questi personaggi, anche se si capisce che queste persone vissute in passato non devono aver avuto una vita facile…

scorcio
Uno scorcio della contrada con le statue. Foto: Marta Cardini

La Natività

Naturalmente, al centro della scena, c’è la Natività di Gesù Cristo. Il presepe è infatti visitabile ogni anno da Natale a fine gennaio. la Contrà Bariola è un borghetto meraviglioso, che si illumina la sera. Intorno ci sono le montagne limitrofe e si può ammirare bene il Monte Pasubio.

presepe
La scena della Natività. Foto: Marta Cardini

Il Museo a tema di Valli del Pasubio

La cultura dei mestieri di una volta non è sentita solo nella frazione di Sant’Antonio, ma anche nel paese di Valli del Pasubio, tanto che in centro si trova anche il “Museo degli Antichi Mestieri“. Qui si riscopre la tradizione. Il Museo conserva infatti le testimonianze dei lavori che si svolgevano in questo paese, che è stato a lungo terra di confine. Qui troviamo in mostra oggetti databili tra metà ‘800 e metà ‘900, i quali restituiscono al visitatore una mappa di saperi che illustra la vita della gente di montagna.

legno
Una statua di un uomo che trasporta legname. Foto: Marta Cardini

I mestieri più diffusi erano: il contadino, il boscaiolo, il vignaiolo, il fabbro, il falegname, il calzolaio, il norcino e il casaro. Ogni oggetto è un rimando a personaggi d’altri tempi, che operavano con logiche legate all’ingegno e al rispetto dell’equilibrio naturale. Tanti oggetti e attrezzi, che sollecitano la nostra curiosità di riconoscerli trasformati o simili nella nostra esperienza quotidiana, talvolta nascosti dalla tecnologia.

fisarmonica
L’uomo con la fisarmonica a Bariola. Foto: Marta Cardini

Il tributo ai caduti di guerra

Inoltre sia la frazione di Sant’Antonio che Valli del Pasubio sono molto legati alle vicende delle due Guerre Mondiali. Oltre ai monumenti ai caduti di Valli, in contrà Bariola a S. Antonio, dentro al borghetto-presepe si trova anche la riproduzione di un cimitero dedicato ai caduti di guerra ed è stato intitolato “Sentiero della Pace”.

bariola
Il cimitero dei caduti di guerra riprodotto a Bariola. Foto: Marta Cardini
bariola
All’entrata del presepe il presentatore dà il benvenuto.
cesto
Una statua di una donna che trasporta dei cesti.
montagne
Dalla contrada di vedono bene le vicine montagne.