Salute delle città, Sbrollini: “Mettere al centro della politica la qualità di vita dei cittadini”

405
Salute delle città Daniela Sbrollini no musei gratis violenza di genere covid dl aiuti mes sanitario

La Senatrice vicentina Daniela Sbrollini ha tenuto a battesimo a Roma due importanti iniziative di promozione del miglioramento della salute nelle città, studiandone e approfondendone i determinanti e cercando strategie per migliorare gli stili di vita e lo stato di salute del cittadino.

Nelle iniziative, oltre alla Sbrollini che è vicepresidente della X Commissione Affari sociali, sanità, lavoro e previdenza sociale del Senato e Presidente Intergruppo parlamentare Obesità e Diabete, conivolti il mondo della politica, la società civile, e quello dell’università e della scienza.

La prima è la firma di un documento che definisce i punti fondamentali della città come bene comune e traccia le linee guida per rendere la realtà urbana rispondente all’idea di salute come stato di completo benessere fisico, mentale e sociale. È il Manifesto “La Salute nelle Città: Bene Comune”, lanciato per la prima volta nel 2016 e di cui è stata presentata martedì in Senato una fondamentale revisione resasi urgente soprattutto dopo gli eventi dell’emergenza Covid.

Ad oggi il 37 per cento della popolazione italiana vive nelle aree Metropolitane; diventa sempre più importante la riqualificazione e la rigenerazione urbana considerando la salute come fattore di crescita e coesione che renda le città italiane delle Health City, cioè promotrici della salute, amministrate da politiche chiare per tutelarla e migliorarla. La stesura e la revisione del Manifesto sono state realizzate grazie al contribuito di oltre 200 esperti e 36 tra Istituzioni, enti, università, società scientifiche, associazioni pubbliche e private tra cui ANCI, Intergruppo Parlamentare Qualità di Vita nelle Città, Sport e Salute, Health City Institute, C14+, Federsanità, Istituto per la competitività I-COM, Fondazione SportCity.

La seconda iniziativa è la firma di un protocollo d’intesa tra parlamentari attivi sui temi del miglioramento della qualità della vita urbana riuniti nell’Intergruppo Parlamentare Qualità di Vita nelle Città, Sport, Salute e Benessere in ambito urbano, il network C14+, che raccoglie più di 200 amministrazioni comunali che hanno aderito al Manifesto “La Salute nelle Città: Bene Comune” e alle “Città per la salute e il cammino” per promuovere la salute, l’ambiente, il benessere e lo sport nelle città, l’istituto di ricerca e studio Health City Institute e il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi – il CNOP. Si tratta di un impegno volto a promuovere la salute nelle città come elemento di miglioramento della qualità di vita urbana e dei cittadini e percorsi di supporto psicologico in ambito socio-sanitario e socio-assistenziale fortemente orientati ad una nuova concezione della “presa in carico” dei pazienti fragili e vulnerabili basata su prossimità, proattività, personalizzazione, partecipazione.

“Il mondo sta fortunatamente uscendo da una crisi globale legata alla pandemia che ha esacerbato disuguaglianze e vulnerabilità, ma è tuttora nel pieno di un’altra grave crisi, climatica. Solo coinvolgendo e integrando società civile, istituzioni, esperti di ogni aspetto accademico e scientifico è possibile portare concretamente un cambiamento che veda al centro delle politiche pubbliche la qualità di vita del singolo cittadino”, conclude la senatrice Sbrollini.