E’ stata convocata per mercoledì 2 marzo una seduta del Consiglio regionale del Veneto, con inizio dei lavori alle ore 10.30, sostanzialmente dedicata alla presentazione ed esame delle risoluzioni presentata da vari consiglieri regionali sulla Guerra in Ucraina.

L’ordine del Giorno prevede, dopo le risposte della Giunta alle interrogazioni e interpellanze già calendarizzate, le cinque risoluzioni depositate nei giorni scorsi:

  • Risoluzione n. 42 presentata dai consiglieri Giacomo Possamai, Baldin, Bigon, Camani, Guarda, Lorenzoni, Montanariello, Ostanel, Zanoni, Zottis relativa a “La guerra, avventura senza ritorno. Il Veneto condanna la Guerra in Ucraina (qui le reazioni sul conflitto Russia-Ucraina mano a mano che ci arrivano, in copertina una mappa dello scenario da Il Messaggero, ndr)”.
  • Risoluzione n 43 presentata dal consigliere Piccinini relativa a “Condanna ad ogni forma di guerra ed invasione con invito alla diplomazia per la risoluzione del conflitto Russia-Ucraina”.
  • Risoluzione n 44 presentata dai consiglieri Michieletto e Vianello relativa a “Guerra in Ucraina, il Governo sostenga le imprese venete colpite dal rincaro dei prezzi”.
  • Risoluzione n 45 presentata dal consigliere Villanova relativa a “Condanna dell’aggressione russa all’Ucraina”.
  • Risoluzione n. 46 presentata dai consiglieri Speranzon, Polato, Razzolini, Soranzo e Formaggio relativa a “Il Consiglio regionale condanna l’invasione dell’Ucraina da parte dell’esercito russo”.

LA seduta avverrà secondo quanto previsto nella deliberazione dell’Ufficio di Presidenza n. 106 del 23 novembre 2021, quindi con un numero contingentato di consiglieri presenti in aula nel rispetto del distanziamento fisico previsto dalle normative vigenti. I consiglieri non presenti in aula seguiranno lavori a distanza, in modalità videoconferenza, dai loro uffici a palazzo Ferro Fini. La pubblicità della seduta è garantita della diretta video dal nostro sito a partire dalle ore 10:30.