Nel bel mezzo della siccità che sta colpendo pesantemente, anche, il Veneto ci è capitato di leggere su TrevisoToday che “a Valdobbiadene, Segusino e Quero-Vas, a causa della crisi idrica, è stata ridotta la portata delle reti. Il tratto interessato dall’intervento è compreso fra il centro di Bigolino e l’innesto con via Casolani, per un totale complessivo di 280 metri di rete da sostituire…“.

“«Gli interventi a Bigolino si inseriscono all’interno di un importante piano di investimenti per il rinnovo della rete idrica a Valdobbiadene che comprende anche frazioni quali Guia e San Pietro di Barbozza – spiega sul quotidiano web di Citynews  il presidente di Ats, Fabio Vettori – Investire nel miglioramento delle condotte significa rendere più efficiente il sistema idrico integrato, con riduzione delle perdite e tutela del bene acqua, a beneficio di utenti e ambiente…»“.

Su Il Corriere del Veneto, all’interno di un fondo documentato dell’autore sugli incarichi di amministratori pubblici nei cda delle società degli enti locali col titolo “Poltrone e compensi“, leggiamo “L’ultima legge finanziaria ha disciplinato la materia collegando i compensi degli amministratori delle società pubbliche locali ai compensi dei vertici degli enti soci…. Si è anche deciso che i compensi siano collegati ai risultati reddituali delle società.

Quest’ultima previsione all’apparenza assai ragionevole in realtà legittima la strana teoria per la quale i comuni e le province possono utilizzare i loro denari per ritrarne degli utili quando invece parrebbe necessario che i denari pubblici fossero investiti per la realizzazione delle opere di competenza degli enti locali che nessun privato altrimenti realizza. A Valdobbiadene, ad esempio, vengono investiti quasi 7 milioni di euro (700 per abitante, ma a Zenson di Piave e Refrontolo sono circa 5.000 per abitante) nell’Ascopiave ma non spendono nulla per un acquedotto che ha perdite ben oltre il 50 per cento…“.

Se l’articolo della testata web trevigiana è del 20 luglio 2022, anche quello de Il Corriere del Veneto è del 20 luglio, ma dell’anno 2007, 15 anni prima che si parlasse degli attuali lavori all’acquedotto emmental di Valdobbiadene.

Lo firmava Massimo Malvestio, professionista molto noto come avvocato e poi come gestore di fondi internazionali, oltre che come autore di vari libri anche sul mondo grigio che avvolgeva (e avvolge?) la cosa pubblica e le nostre banche (attuali ed ex), ma allora e per vari anni anche opinionista dei dorsi del CorSera…

Lo abbiamo contattato, come avevamo fatto, senza esiti positivi, in passato per sollecitargli qualche scritto sul sistema finanziario, e ci ha detto: “penso che lei capisca ora perché a un certo punto mi sono stufato di scrivere… Oggi sembra che sia la sorte cinica e bara che ha colpito Valdobbiadene ma nessuno dice che per decenni hanno avuto un acquedotto colabrodo e se ne sono fregati…“.

Articolo precedenteCambio programma allenamenti 12/08
Articolo successivoCovid Italia 11/8: 28.433 casi, 130 morti (-15), 189.141 tamponi, positivi 15% (-0.7%), 321 (=) in area intensiva, 8.358 (-234) in medica
Giovanni Coviello (nato l'8-12-1950) è il direttore responsabile di ViPiu.it, nata come testata cartacea VicenzaPiù il 25 febbraio 2006, poi cresciuta dal 2008 con la sua versione web, che ha integralmente sostituito quella cartacea dal 1° gennaio 2016, e che, da due anni, ha assunto la denominazione attuale, non connotata geograficamente, a significare che il quotidiano web indipendente si occupa di notizie e approfondimenti su Veneto (focus Vicenza), Nord est in genere, Lazio con focus su Roma istituzionale e storica, Riviera di Ulisse e Monti Aurunci, Italia e uno sguardo su Europa e mondo. Dopo un'iniziale esperienza da ingegnere elettronico come ricercatore volontario universitario a Roma (1976) e il servizio militare in Marina Militare come ufficiale di complemento (Accademia di Livorno, 1976-78) ha maturato varie esperienze di vertice, nazionali e internazionali, nel settore dell'informatica (1978-1993), ha ricoperto cariche in Confindustria Roma e Apindustria Vicenza, quindi si è occupato di marketing e gestione sportiva di vertice (volley femminile di A1 a Roma e Vicenza) anche da vice presidente della Lega di Pallavolo Femminile di serie A, è stato direttore editoriale di un inserto di marketing internazionale su Pc Week (Mondadori Informatica), collaboratore di Espansione (Mondadori), per poi concentrarsi direttamente dal 2008 sulle edizioni giornalistiche. È giornalista professionista, ha curato vari libri e pubblicato direttamente, tra questi, “Vicenza. La città sbancata”, “BPVi. Bugie Popolari Vicentine”, “BPVi. Risparmiatori ingannati. L’azione di (ir)responsabiltà”, “Roi, la fondazione demolita”.