Settimana europea dell’immunizzazione: la Commissione pubblica una dichiarazione comune con OMS e UNICEF

380
Settimana europea dell'immunizzazione
Settimana europea dell'immunizzazione

La Settimana Europea dell’immunizzazione 2024, in corso di svolgimento dal 21 al 27 aprile, è un momento fondamentale per informare, sensibilizzare e sottolineare l’importanza delle vaccinazioni per la salute di tutti. Con questo intento oggi la Commissione europea, rappresentata da Stella Kyriakides, Commissaria per la Salute e la sicurezza alimentare, ha pubblicato una dichiarazione comune sull’immunizzazione, insieme alla regione europea dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), rappresentata da Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell’OMS per l’Europa, e al Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF), rappresentato da Regina De Dominicis, direttrice regionale dell’UNICEF per l’Europa e l’Asia centrale.

La dichiarazione ricorda l’impatto positivo che l’opera di vaccinazione ha avuto e continua ad avere nel proteggere la salute di diverse generazioni.

Quest’anno la Settimana europea dell’immunizzazione segna i 50 anni trascorsi dall’introduzione del programma esteso di immunizzazione, un momento cruciale nella storia della salute pubblica, che ha salvato ogni anno milioni di vite in tutto il mondo. Nel 1974 solo il 5% dei bambini nel mondo era stato vaccinato contro la difterite, il tetano e la pertosse. Oggi questo dato è salito a quasi l’85% dei bambini nel mondo e al 94% nella regione europea dell’OMS.

A seguito della pandemia di COVID-19 e del suo impatto senza precedenti su società, economie, sistemi sanitari e assistenza sanitaria, la Commissione europea, l’OMS e l’UNICEF sono determinati a portare avanti la loro collaborazione, insieme agli Stati membri dell’UE, allo scopo di rafforzare i sistemi sanitari e rendere accessibili a tutti e dappertutto i vantaggi dell’immunizzazione.

La dichiarazione completa è disponibile online.