Sicurezza, De Marzo: “tutti diamo una mano”. E sull’anti-fascismo: “l’ho dimostrato con i fatti”

De Marzo durante un incontro con il Papa
De Marzo durante un incontro con il Papa
- Pubblicità -

Ieri vi avevamo raccontato del nuovo “scudiero” in tema di sicurezza del sindaco Francesco Rucco che ha tenuto per sé questa delicata delega insieme a quella sulla cultura. Oggi abbiamo contattato il consigliere comunale Leonardo De Marzo che ci ha precisato la situazione.

“Tutti nella lista Rucco cerchiamo di dare pareri e osservazioni al sindaco quando serve – spiega – anche nella Lega si sta muovendo Andrea Pellizzari, ma non c’è un consigliere delegato. Il tema della sicurezza è molto trasversale, ma a livello strutturale e tecnico ci pensa Rucco che è il più titolato anche per il suo lavoro negli ultimi dieci anni in Consiglio Comunale”.

“Non sono di sicuro fascista – puntualizza poi il consigliere delegato ai gemellaggi – e l’ho ampiamente dimostrato partecipando, con i complimenti di Luigi Poletto dell’Anpi, alla cerimonia in Emilia Romagna per Antonio Giuriolo, o alla commemorazione dei Dieci Martiri a Borgo Berga”.

“Con i fatti – conclude De Marzo – ho mantenuto uno stile ben diverso da quello di cui mi si accusava sul giornale tempo fa. Ormai sono più ecumenico io di Papa Francesco…” ci sorride sopra.

-Pubblicità-