Sostenibilità nel settore moda, Confartigianato Vicenza organizza due laboratori

confartigianato vicenza sede
La sede di Confartigianato Imprese Vicenza

“La sostenibilità per il settore moda”: questo il tema scelto da Confartigianato Vicenza per due laboratori, in programma il 24 giugno e l’8 luglio prossimi nella sede di Via Enrico Fermi, e alla cui realizzazione contribuisce la Camera di Commercio.

“Due laboratori proposti dal Confartigianato Imprese Vicenza per parlare di sostenibilità nel settore della Moda. Quello della sostenibilità, infatti, non è solo una esigenza dettata dalle contingenze, ma anche un bisogno sempre più sentito dalle imprese. Dall’accesso al credito all’affidamento di commesse, non si può più prescindere dall’argomento, per questo Confartigianato Vicenza si pone l’obiettivo di fornire un supporto efficace alle aziende, partendo proprio dal settore della Moda, con un percorso articolato in laboratori su temi specifici.

L’iniziativa è promossa dal nuovo Centro Servizi per la Sostenibilità e l’Energia di Confartigianato Vicenza che si pone come soggetto promotore di un dialogo diretto con stakeholder e imprenditori, fornendo a quest’ultimi assistenza e strumenti per accompagnare le PMI nel loro percorso di transizione verso un modello di business sostenibile, supportandole nella gestione dei loro processi aziendali in ottica green.

Per Confartigianato Vicenza la sostenibilità ambientale e sociale rappresenta un tema strategico, in particolar modo in relazione a un settore come quello della moda, dove già molte piccole imprese della filiera si ritrovano a dover gestire questo complesso processo di transizione collaborando in veste di fornitori per i grandi brand della moda.
Le imprese della moda infatti spesso entrano in contatto con i temi della sostenibilità per effetto delle richieste eterogenee provenienti dai maggiori committenti, a cui si devono adeguare per poter prendere in carico la commessa. Il bisogno quindi di strutturare un set informativo/documentale coerente con le richieste più frequenti in arrivo dai soggetti posti a monte della catena del valore diviene prioritario.

I due incontri proposti, che si terranno nella sede di Confartigianato in Via Enrico Fermi 134, e alla cui realizzazione contribuisce la Camera di Commercio, sono previsti per venerdì 24 giugno e venerdì 8 luglio entrambi con inizio dalle ore 17.30.

Nel corso del primo appuntamento si esamineranno le esigenze delle imprese nella gestione degli “audit” dei maggiori committenti, nel tentativo di individuare le priorità e le possibili similitudini nella supply chain nel settore della moda. Le nuove richieste del mercato possono generare ostacoli che le piccole imprese nello specifico devono superare per aprire le porte a nuove opportunità di mercato e soddisfare le tante richieste di clienti e committenti.

Il secondo laboratorio invece si concentrerà su un nuovo potenziale servizio, da mettere a disposizione delle imprese del comparto moda, con l’intento di rispondere ad esigenze reali del settore, offrendo linee guida per lo sviluppo e la “raccolta” di documenti e dati funzionali a rispondere alle richieste dei committenti, sovente volte ad approfondire la conoscenza degli ambienti lavorativi dei propri fornitori, in ottica di sostenibilità prevalentemente sociale. I laboratori si caratterizzeranno per un approccio partecipativo, basato sugli strumenti del “design thinking” e prevedranno la partecipazione di alcuni esperti in materia di certificazioni, audit e sostenibilità”.

Maggiori informazioni e adesioni sono reperibili al sito ufficiale.