TAV Vicenza, CS Bocciodromo: “La Giunta comunale ha negato ai cittadini il dibattito pubblico sul progetto TAV”

626
Stop War! Mobilitazione contro la guerra e no Tav

Come ultimo punto del consiglio comunale di ieri, 24 febbraio, c’era la proposta di dibattito pubblico per il progetto di attraversamento del territorio vicentino della Linea Alta Velocità. La discussione si è rivelata a dir poco imbarazzante: il sindaco Rucco, richiamato più volte ad intervenire, ha semplicemente delegato assessori differenti a parlare senza partecipare al dibattito. Si è palesato così come la giunta sia assolutamente ignorante rispetto al progetto TAV, tanto che l’unica risposta che il sindaco ha saputo dare è stata quella di ‘’mandarci a casa’’ una volta finita la discussione.

Crediamo che ieri la giunta ci abbia dato la conferma che del progetto TAV non ne sa niente! Discutere con i cittadini che vivranno la devastazione e gli effetti di questa grande opera sulle loro case e sui loro quartieri dovrebbe essere una priorità, ma abbiamo avuto la riprova di come questa giunta creda poco nella democrazia (basta ascoltare le affermazioni di Pellizzari, Fratelli d’Italia, in cui ci comunica di non “credere nella democrazia assembleare”) e di come essa venga mesa in secondo piano rispetto a degli accordi speculativi.

Noi crediamo e ribadiamo che la TAV è una grande opera assolutamente dannosa per il territorio e per i cittadini. La città di Vicenza è la quarta città più inquinata d’Europa: viviamo in un territorio inquinato da Pfas e la cementificazione e la sovracostruzione sono all’ordine del giorno. Sono stati stanziati 1.75 miliardi di euro per un progetto che devasterà ulteriormente la nostra città e la nostra salute. Miliardi stanziati in grandi opere inutili invece che per incrementare e migliorare i servizi cittadini. Noi ci chiediamo: ma la costruzione di strade, ponti, rotatorie e i decenni cantierizzazione e l’aumento di mezzi nella nostra città è davvero una scelta sostenibile e possibile? La risposta è no.

Per questo motivo invitiamo tutti e tutte a partecipare sabato 26 febbraio ad una grande giornata di mobilitazione. Ci troveremo alle h.15 in Piazza Nobel, per il carnevale no TAV e contro la cementificazione. Perché ciò che devasta i territori e la salute va fermato e perché se la democrazia istituzionale non esiste allora ce la creeremo dal basso.

Alla fine della sfilata no TAV, partiremo tutti e tutte insieme dal C.S. Bocciodromo per un corteo contro la guerra, perché crediamo che la devastazione ambientale e la Guerra in Ucraina, siano entrambe forme di predazione e di accaparramento delle risorse, senza alcuna preoccupazione di provocare morti e devastazioni.

“Né con Putin, né con la NATO: basta alla guerra estrattivista.
Loro la guerra, nostri i morti. Mobilitiamoci per la pace.”

C. S. Bocciodromo Vicenza, Fridays For Future Vicenza, Rise up for Climate Giustice, Coordinamento studentesco Vicenza