Dal 5 luglio 48 ore di “fermo” TAXI in Italia, Nordio (Confartigianato): “un centinaio dal Veneto davanti al Presidio di Palazzo Chigi domani

Taxi a Roma (loghi coperti)
Taxi a Roma (loghi coperti)

Alla mezzanotte di oggi scatta il “fermo” di 48 ore dei TAXI in tutta Italia. Uno stop straordinariamente lungo perché la posta in gioco è alta. La mobilitazione di Confartigianato TAXI del Veneto porterà un centinaio di tassisti (tra i quali anche colleghi dei taxi acquei di Venezia ed alcuni gondolieri) al presidio nazionale davanti a Palazzo Chigi domani 5 luglio.

E, la mattina del 6 luglio, presso la sede della LegaCoop del Veneto a Marghera (via Ulloa 5 Marghera con collegamento in remoto ore 11.00), si terrà una assemblea Unitaria delle maggiori sigle regionali ossia: Confartigianato, LegaCoop, Confcooperative, Fita Cna, Uritaxi. Tutte unite per dire No al DDL “Concorrenza” che interviene pesantemente sul settore trasporto pubblico non di linea che è un settore dove coesistono piccole e micro imprese, localizzate territorialmente, in ragione del servizio di trasporto pubblico erogato a favore e nell’interesse di utenza locale in modo integrativo e complementare al servizio di Trasporto Pubblico Locale.

Ricordiamo che il regime delle licenze e delle autorizzazioni – di fatto – impedisce la formazione di monopoli in quanto vi è un limite oggettivo al cumulo, che è vietato nel servizio taxi e limitato nel servizio NCC. Le tariffe sono amministrate e vi sono obblighi minimi di servizio a tutela dell’utenza. Il servizio ha livelli di regolazione analoghi in tutta Europa e nel Mondo.

“Con questo provvedimento”, commenta Alessandro Nordio delegato nazionale per la categoria taxi di Confartigianato, “il Governo intende ottenere una delega in bianco, con l’unico obiettivo a quanto pare, di consentire a piattaforme multinazionali globalizzate di monopolizzare la domanda con una intermediazione sregolata, che verosmilmente costringerà i vettori ad accettare condizioni di erogazione del servizio in contrasto con la tutela del lavoro, lo sviluppo dell’artigianato e della cooperazione, eludendo il principio di competenza esclusiva e sussidiaria delle Regioni e minando la responsabilità sociale a cui deve tendere la libera iniziativa privata. Nonostante le ripetute richieste delle Associazioni di categoria, negli ultimi sette mesi non è stato possibile un reale confronto con il Governo”.

“Questa straordinaria mobilitazione – conclude Nordio- tende ad eviatre che si perda una ulteriore occasione per una riforma virtuosa del settore, rispondendo solo a logiche economiche che nulla hanno a che fare con il servizio pubblico erogato, che attualmente viene offerto senza costi per la collettività.”

La richiesta di stralcio dell’art. 10 (ex.art.8 nelle precedenti versioni del testo) è mossa dalle seguenti ragioni:

    • Il provvedimento non entra adeguatamente nel merito della necessaria regolazione delle piattaforme, la diversità tra chi fa intermediazione senza responsabilità nel trasporto e chi – attraverso forme organizzative costituzionalmente tutelate dall’articolo 45 della Costituzione – effettua interconnessione tra domanda e offerta.

 

    • Non riconosce adeguatamente alle Regioni e ai Comuni il ruolo che spetta loro in virtù dell’articolo 117 della Costituzione, anzi sembra volerne limitare le competenze.
    • Non individua un percorso di confronto e condivisione con la Conferenza Unificata prevedendo la formula “sentita la..” e non “previa intesa con..”.
    • Non si pone la giusta attenzione al livello professionale degli addetti. Vengono indicati solo generici standard qualitativi più elevati, trascurando sicurezza, qualità e trasparenza, propri del servizio pubblico.
    • Non pone reali obiettivi ci carattere ambientale in linea con il processo di transizione ecologica, individuando risorse che si potrebbero ottenere riaggiornando la legge 12/2019 sulla base di principi che facciano riferimento all’utilizzo dei veicoli a basso impatto ambientale, individuando servizi innovativi che abbiano l’obiettivo di ridurre i costi per l’utenza e con il fine di ridurre il carico inquinante, ottimizzando l’uso dei veicoli attraverso la condivisione e l’integrazione dei percorsi.
    • Non pone limiti alla libera iniziativa privata trascurando la responsabilità sociale che l’eccesso di intermediazione sminuisce a scapito del mero profitto.
    • Non istituisce il Registro Elettronico Nazionale (REN) e le relative targhe professionali.
    • Infine la riforma appare più utile a risolvere un problema locale e territorialmente circoscritto, a discapito invece di esempi virtuosi che in tutto il territorio nazionale hanno consentito uno sviluppo ordinato e proficuo per l’utenza.