Ucraina, Save the Children: “L’inverno rigido può uccidere al pari dei missili e dei proiettili di artiglieria”

938
ucraina

Le famiglie in Ucraina stanno ricorrendo a misure sempre più disperate per sopravvivere alla guerra durante quest’inverno, caratterizzato da temperature gelide e blackout giornalieri che raggiungono fino a 12 ore al giorno.

Lo afferma Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare la vita delle bambine e dei bambini e garantire loro un futuro.

Le interruzioni di corrente stanno costringendo le persone in alcune parti del Paese a sciogliere la neve per avere l’acqua, lasciare il cibo sui balconi invece che nei frigoriferi e riscaldare i mattoni per ottenere un po’ di calore.

A seguito di un’escalation di attacchi avvenuta lo scorso ottobre, secondo il governo ucraino, metà della capacità di generare energia in Ucraina e circa il 40% delle reti sono state danneggiate. I tagli all’elettricità interessano ora l’intero Paese e vanno dalle 8 alle 12 ore al giorno, mentre le temperature questo mese sono scese fino a -15°C (5°F) in alcune zone.

Larysa*, 68 anni, una nonna che risiede da sola a Bucha dopo che i suoi figli e nipoti sono fuggiti dall’Ucraina, ora mette i mattoni in un forno a gas e poi li utilizza in casa per riscaldarsi.

“A volte non c’è luce per 14 ore. E quando non c’è luce, non abbiamo riscaldamento. Accendiamo il forno a gas ed è così che ci teniamo al caldo. Il forno è acceso 24 ore su 24. Pagherò di più per il carburante, ma cos’altro posso fare? Preferisco pagare il carburante piuttosto che ammalarmi” ha detto Larysa.

I successivi attacchi contro le infrastrutture energetiche di metà dicembre hanno lasciato metà delle regioni senza elettricità, con conseguenti interruzioni di acqua e riscaldamento per quasi tre giorni.

Mentre gli ospedali e le scuole hanno la priorità per l’approvvigionamento energetico, molti gestiscono ancora generatori a carburante per garantire che siano stabili e funzionanti.

Un direttore dell’ospedale distrettuale nell’oblast di Sumy ha detto: “Un bambino che nasce in questo clima rigido ha bisogno di una protezione speciale. Se l’ospedale si raffredda [a causa di un’interruzione di corrente], possiamo operare solo per poche ore al giorno. Dopodiché, potremo solo prestare i primi soccorsi e attendere l’evacuazione”.

In quest’ospedale nascono quasi 400 bambini ogni anno e serve circa 600 pazienti al giorno. Save the Children l’ha aiutato ad acquistare e installare una caldaia a combustibile solido per mantenere caldi i reparti, le unità operative e le sale parto durante le emergenze.

“Le persone in Ucraina stanno affrontando forse l’inverno più difficile della loro vita e molti genitori stanno lottando per mantenere i propri figli al caldo in case semidistrutte, senza elettricità o riscaldamento tra continue interruzioni di corrente e ostilità in corso. È una questione di vita o di morte se le famiglie non possono riscaldare le loro case. In vista di questo inverno, Save the Children ha moltiplicato i suoi sforzi per fornire un’assistenza cruciale in denaro, articoli per il riscaldamento e per il restauro di case, scuole e ospedali. Ma finché gli attacchi contro le infrastrutture energetiche continueranno, questo inverno potrebbe essere tanto devastante per i bambini e le famiglie sfollate in Ucraina quanto i missili e i proiettili di artiglieria” ha dichiarato Sonia Khush, Direttrice di Save the Children in Ucraina.

Save the Children chiede alle parti in conflitto di rispettare i propri obblighi ai sensi del diritto internazionale umanitario e del diritto internazionale dei diritti umani e di garantire che le infrastrutture energetiche e le strutture civili, come case, scuole e ospedali, siano protette dagli attacchi.

Per aiutare a mantenere al caldo le famiglie ucraine quest’inverno, Save the Children e i partner locali stanno fornendo alle famiglie sfollate alloggi, cibo, denaro, carburante, supporto psicologico e kit igienici e per neonati. Nelle aree con combattimenti attivi, l’Organizzazione umanitaria sta distribuendo abbigliamento invernale per bambini, fornendo alle famiglie colpite dalla guerra coperte, stufe e carburante.

Save the Children opera in Ucraina dal 2014, fornendo aiuti umanitari ai bambini e alle loro famiglie. Ora sostiene le famiglie di rifugiati in tutta Europa e aiuta i bambini ad accedere all’istruzione e ad altri servizi essenziali.