Quando si torna da un viaggio, si tende a portare con sé un souvenir, quasi a voler adottare una simbologia legata ai luoghi e agli spazi in un cui si è camminato alla ricerca di nuovi colori, ad assaporare sapori diversi e a odorare altri odori. Chi ha la fortuna di ritornare dall’Afghanistan in questi giorni non si porta nulla per ricordare, ma tende a portarsi la voglia di dimenticare, pur preservando i dolori che ha combattuto, ma non ha potuto sconfiggere (lancio il 31 agosto alle 15.09, focus di oggi alle 12.28, ndr).

Folla di disperati cercano di arrivare all'aeroporto di Kabul
Folla di disperati cercano di arrivare all’aeroporto di Kabul

Mettiamo bene in chiaro che non si organizza un’evacuazione con un elegante tailleur e magari con i tacchi 12, nemmeno con una pregiata polo e pantalone, mocassino e cravatta griffati…e i piedi sulla scrivania, schiacciando i tasti del telefonino: non funziona così. Si combatte la battaglia in territorio di guerra già minato. A tutti quelli che si vantano di aver avuto un ruolo di “salvatore” dei propri misfatti, provo a spiegare, come Roberto Bruni ha organizzato l’evacuazione di 115 persone.

Volti disperati e di... speranza a Kabul
Volti disperati e di… speranza a Kabul

Un’evacuazione da un territorio di guerra e come si comportano gli uomini che lavorano nel silenzio, per il bene della collettività.  La chiave del successo è un mix di calcolo delle probabilità, intelligenza, preparazione, tecnica, sangue freddo e fortuna, si amalgamano in un rapporto privilegiato, che si acquisisce negli anni, lavorando sul territorio, rimanendo lontani dagli specchietti, dai programmi televisivi, dal piccolo e dal grande schermo.

Per cercare di salvare vite ci vuole anche un back ground da intelligence e contatti, tanti contatti. Ho scritto per cercare di salvare vite, perché il risultato non è mai garantito.

E allora chiedo a tutti quelli che si sono presentati sul palcoscenico a sbraitare “ho, abbiamo”, di scendere in platea e di lasciare il palcoscenico ai veri protagonisti di questo successo, che non è un successo totale, perché in troppi sono rimasti là, in Afghanistan.

Striscione Ciano International in Afghanistan
Striscione Ciano International in Afghanistan

Roberto Bruni è l’amministratore delegato della Ciano International, un’azienda che annovera tra i suoi clienti anche la Nato ed è operativa in zone di guerra e conflitti o comunque ad altro rischio. Non è una ONG, non è una Onlus, è una struttura che contribuisce a creare lavoro e un minimo di supporto, laddove le grosse aziende non lo farebbero mai. In Afghanistan coordinava quattro unità operative a Herat, Bagram, Mazar-i Sharif e Kabul. Non conosco personalmente Roberto, “ma è un figlio acquisito di un mio contatto”.

Roberto Bruni (Ciano International) in Afghanistan
Roberto Bruni (Ciano International) in Afghanistan

racconta: “Prima facciamo evacuare i dipendenti internazionali, poi si comincia con i dipendenti afgani. I nostri dipendenti afgani sono 22 e con i loro familiari più stretti arriviamo a 111 persone da salvare, ordiniamo di rifugiarsi sulle montagne e non di rimanere in casa con le famiglie, sappiamo che sono nella lista dei talebani. La caccia all’uomo ha inizio, casa per casa, minacciando le mogli e bambini per farsi confessare dove si nascono i mariti, i padri, i nostri dipendenti. Creiamo un gruppo WhatsApp. Immediatamente attiviamo i nostri canali diplomatico e militari (n.d.r. italiani) e nel giro di 4 ore le nostre persone sono inserite nella lista di chi ha titolo a evacuare. Da questo momento in avanti inizia il percorso della speranza verso l’aeroporto di Kabul ma dalle informazioni riservate ricevute so già che sarà un viaggio tra i gironi dell’inferno. Alla fine di questa tremenda ma profonda esperienza, quando cercherò di realizzare che cosa abbiamo fatto e vissuto, mi sentirò come Dante che ha attraversato tutti i gironi dell’inferno, senza dormire per 6 giorni e 6 notti fino ad arrivare per 6 volte ad Abbey gate. Abbey gate, la porta che separa l’inferno fuori dall’aeroporto dal Paradiso rappresentato da quegli aerei che atterravano e decollavano per portare in Patria i cittadini Afghani. Ordiniamo ai nostri amici e colleghi Afghani di dirigersi sulla Jalalabad

Gli occhi di un bambino afgano guardano la folla che si accalca alla ricerca della fuga
Gli occhi di un bambino afgano guardano la folla che si accalca alla ricerca della fuga

Road e Bagram Road ma l’input dato si dimostra contorto e non perfetto, nelle strade si stanno riversando migliaia e migliaia di persone ed i talebani hanno avuto modo e tempo di creare diversi posti di blocco; se uno solo dei nostri venisse fermato in poco tempo, sarebbe individuato nella “lista” e a quel punto non avrebbe altro destino se non quello di essere ucciso. Bisogna ricalcolare, pianificare di nuovo e proprio grazie al mio percorso professionale che mi ha visto per anni impegnato nella marina militare, cerco di ricreare nuovi equilibri, nuove strategie. S’investiga su quella che può essere la soluzione più corretta in contatto con il colonnello italiano, di stanza all’Abbey Gate dell’aeroporto (dove poi ci sarà l’attentato, ndr). I posti di blocco talebani sono sempre di più e ovunque, se riusciamo a passarli arriviamo all’aeroporto: poi ci comunicano che le ultime miglia saranno le peggiori, le più difficili da percorrere, perché siamo imbucati in una calca umana in cerca di speranza. Il rischio del caldo, siamo a 50 gradi, della sete, dello schiacciamento… comunico i pericoli e calcoliamo un’ultima riorganizzazione: se fallisce questa, difficilmente abbiamo la possibilità di crearne un’altra. Il Colonnello mi comunica che bisogna accelerare le operazioni, il tempo a disposizione si riduce, ci sono allarmi bomba, rischi esterni, troppi talebani infiltrati nelle zone in cui, a seguito degli accordi non dovrebbero essere presenti. Il Colonnello mi suggerisce di mandare un gruppetto alla volta, con un cartello “Ciano International”, appena stabiliranno il contatto ottico, seguirà quello verbale… In sei giorni portiamo dentro 6 gruppi… negli ultimi dieci metri un bambino di 13

Un afgano con i documenti ch spera di poter usare per portare in salvo donne e bambini da Kabul
Un afgano con i documenti ch spera di poter usare per portare in salvo donne e bambini da Kabul

anni viene risucchiato dalla folla, comincia a chiamarmi, ma non riconosco il suo numero (i genitori gli avevano dato un cellulare non registrato), non so se rispondere o meno, sono moltissimi i numeri afghani non registrati che continuano a chiamarmi e la linea telefonica deve rimanere libera per permettere il contatto con i numeri telefonici registrati ed appartenenti ai coordinatori dei gruppi. Alla fine decido di rispondere, il bambino viene localizzato e si ricongiunge al nucleo familiare. Abbiamo portato in salvo i nostri dipendenti, più altri, più una famiglia di 4 persone appartenenti ad un interprete della Rai che non avevano protezione, in tutto 115 persone.  Non ci sentiamo eroi, non siamo gente di spettacolo, non siamo politici, siamo lavoratori, ma soprattutto siamo Uomini, il cui lavoro ci porta ad affrontare con fermezza situazioni drammatiche, dove spesso il fluido si confonde con l’incerto e viceversa. Abbiamo fatto il massimo con le risorse che avevamo a disposizione, rimane il rammarico di non aver potuto fare di più”.

Non sono una giornalista, ma un’autrice. In Italia ho poche protezioni, faccio sempre controllare da chi mi passa le informazioni se ho interpretato correttamente il loro pensiero, è la mia etica e il mio rispetto per la voce altrui. Roberto Bruni mi ha così risposto: “Ho letto con grande attenzione ed interesse quanto da te scritto commuovendomi. Quelle voci, quelle urla, quelle richieste di aiuto per farsi identificare… Mamma mia, quando mai si dimenticheranno? Mai. Ma è giusto che sia cosi. A memoria indelebile di quali orrori l’uomo è capace di generare e di quanto, per contro, sia bello e faccia sentire “pieno” essere utile per qualcuno che ha bisogno”.

Articolo precedenteControlli a tappeto dei Carabinieri nel territorio bassanese: italiani e stranieri denunciati per furto e stupefacenti
Articolo successivoFIR, Pierantonio Zanettin (FI): governo riferisca su ritardi inaccettabili indennizzi a risparmiatori banche”
Nata a Vicenza il 25 gennaio 1954, studentessa mediocre, le bastava un sette meno, anche meno in matematica, ragazza intelligente, ma poca voglia di studiare, dicevano i suoi professori. Smentisce categoricamente , studiava quello che voleva lei. Formazione turistica, poi una abilitazione all’esercizio della professione di hostess di nave, rimasta quasi inutilizzata, un primo imbarco tranquillo sulla Lauro, un secondo sulla Chandris Cruiser e il mal di mare. Agli stipendi alti ha sempre preferito l’autonomia, ha lavorato in aziende di abbigliamento, oreficeria, complemento d’arredo, editoria e pubbliche relazioni, ha girato il mondo. A trent’anni aveva già ricostruito la storia degli ebrei internati a Vicenza, ma dopo qualche articolo, decise di non pubblicare più. Non sempre molto amata, fa quello che vuole, molto diretta al punto di apparire antipatica. Dove c’è bisogno, dà una mano e raramente si tira indietro. E’ generosa, ma molto poco incline al perdono. Preferisce la regia alla partecipazione pubblica. Frequenta ambienti ebraici, dai riformisti agli ortodossi, dai conservative ai Lubavitch, riesce nonostante il suo carattere a mantenere rapporti equilibrati con tutti o quasi. Sembra impossibile, ma si adegua allo stile di vita altrui, in casa loro, ovviamente.