Vaccinazione anticovid: Ulss 8 Berica accelera la campagna di richiamo con nuove date

458
vaccinazione anticovid ulss 8 berica covid a vicenza

L’Ulss 8 Berica accelera la campagna di vaccinazione anticovid, di pari passo con una crescente attenzione da parte dei cittadini: per l’open day in programma il 16 dicembre 2023 i posti disponibili risultano già esauriti.

Al fine di soddisfare tutte le richieste l’azienda socio-sanitaria ha già programmato altre due giornate di apertura straordinaria, sabato 23 dicembre 2023 con orario continuato dalle 8 alle 14 e sabato 13 gennaio 2024, dalle 8 alle 16.

In entrambe le date le vaccinazioni saranno eseguite presso il Poliambulatorio del Chiostro dell’ospedale San Bortolo con accesso libero. Per chi lo desidera è tuttavia possibile prenotare la vaccinazione in una determinata fascia oraria al link: https://vaccinicovid.regione.veneto.it/ulss8 

Le due giornate si aggiungono alla normale programmazione delle sedute, presso i centri vaccinali di tutto il territorio, per le quali l’accesso è invece su prenotazione, secondo il calendario disponibile sul sito Internet dell’ULSS 8 Berica. 

“Con l’occasione – fanno sapere dall’Ulss 8 -, si ricorda che il richiamo del vaccino anti-Covid è stato aperto a tutte le fasce di popolazione sopra i 12 anni e che il vaccino utilizzato adotta la nuova formulazione aggiornata che offre una maggiore efficacia e un’adeguata risposta alle varianti emergenti del virus”.

“La campagna di vaccinazione ha visto una forte accelerazione nell’ultimo periodo – sottolinea Maria Giuseppina Bonavina, direttore generale dell’Ulss 8 Berica – e questo ora ci impone un ulteriore sforzo organizzativo per soddisfare il più rapidamente possibile tutte le richieste, ma ormai siamo una macchina ben rodata, tanto è vero che immediatamente abbiamo attivato due ulteriori open day.

Invito tutta la popolazione a cogliere questa opportunità fondamentale di prevenzione, tanto più che come stiamo vedendo il virus ha ripreso a circolare in misura significativa: oggi però abbiamo tutti gli strumenti per gestirlo, il primo dei quali è appunto la vaccinazione”.