Vaccino covid e morti improvvise, nessun legame: i dati Usa

142

(Adnkronos) –
"I dati non supportano un'associazione tra vaccinazione anti-Covid e morte cardiaca improvvisa nei giovani". E' questo l'esito di una nuova indagine condotta in Oregon e resa nota dai Cdc statunitensi (Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie) nell'ultimo 'Morbidity and Mortality Weekly Report'.  "A beneficio dei soliti somaroni: ennesimo studio che dimostra (numeri alla mano) oggettivamente come la vaccinazione contro il Covid non c'entri nulla con i malori improvvisi dei giovani. Sarebbe ora di rassegnarsi al fatto che la Terra non è piatta", twitta Roberto Burioni, professore di Microbiologia e Virologia all'università Vita-Salute San Raffaele di Milano, commentando su X i risultati dell'indagine. Sulla stessa ricerca posta anche Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Matteo di Genova: "Cosa si scopre con gli studi seri e ben condotti? Che le morti improvvise sono più frequenti tra i non vaccinati per Covid-19. E ora cosa diranno i soliti ciarlatani?", chiede il medico.  Lo studio torna su uno degli argomenti che finisce spesso al centro di polemiche da parte di chi esprime posizioni critiche verso i vaccini. Nell'aprile 2021, ricordano i Cdc, sono stati segnalati al Vaccine Adverse Event Reporting System casi di miocardite post iniezione-scudo, in particolare tra i giovani maschi sottoposti a immunizzazione. E dopo che la vaccinazione Covid è stata associata a miocardite in questa fascia di adolescenti e giovani adulti, sono state sollevate preoccupazioni su possibili decessi cardiaci correlati al vaccino in questa fascia di età.  Per valutare questo aspetto, i ricercatori hanno preso in esame i certificati di morte dei residenti dell'Oregon di età compresa tra 16 e 30 anni che sono deceduti nel periodo giugno 2021-dicembre 2022 per cause di morte cardiache o indeterminate. Sono stati poi esaminati per i deceduti identificati i registri nel sistema informativo sulle immunizzazioni dell'Oregon. Tra i 1.292 decessi identificati, Covid-19 è stato citato come causa di 30. Per altri 101 non è stato possibile escludere una causa di morte cardiaca. Tra questi deceduti, erano disponibili dati del sistema informativo sulle immunizzazioni per 88. Dei 40 decessi avvenuti tra persone che avevano ricevuto una dose di vaccino anti-Covid a mRna, 3 si sono verificati entro i 100 giorni successivi alla vaccinazione. Ma 2 erano casi di persone con malattie croniche di base e un singolo deceduto aveva una causa di morte indeterminata. Questi dati, concludono gli autori, "non supportano un'associazione tra la ricezione del vaccino a mRna anti-Covid e la morte cardiaca improvvisa tra giovani precedentemente sani".  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)