Veicoli inquinanti, Il Sole 24 Ore: “Anche in Veneto contributi alle imprese per sostituirli”

410
no smog a vicenza livello rosso inquinamento Scatola Nera automobili inquinanti veicoli
smog

Anche il Veneto figura tra le regioni che hanno messo in campo politiche per la sostituzione di mezzi inquinanti nelle imprese. Nelle regioni prese in considerazione, tali incentivi a fondo perduto possono arrivare a oltre 9mila euro a mezzo rottamato e sostituito con uno nuovo. Se ne occupa Il Sole 24 Ore nella sua edizione odierna in edicola.

Per quanto riguarda il Veneto, riporta il quotidiano, “la La Regione, insieme a Unioncamere, ha lanciato un bando per incoraggiare le imprese a sostituire i loro veicoli aziendali inquinanti con quelli più eco-sostenibili tramite contributi a fondo perduto. Il via è stato dato con la delibera della giunta regionale 337 del 4 aprile 2024 finalizzata all’attuazione di progetti dedicati al miglioramento della qualità dell’aria. Le risorse disponibili e ammontano a 6.908.080, suddivise in due linee di finanziamento per agevolare l’acquisto di veicoli delle categorie N1 (trasporto merci) e M1 (trasporto persone), purché abbiano una classe ambientale Euro 6D o superiore. È, inoltre, richiesta la rottamazione di veicoli più inquinanti.

I richiedenti possono essere micro, piccole e medie imprese con sede legale e operativa in Veneto, iscritte al Registro imprese e in possesso del Durc. Le imprese attive in agricoltura, silvicoltura, pesca, commercio e intermediazione di veicoli non sono ammesse. Sono concessi contributi a fondo perduto che variano da 2mila a 9.600 euro e dipendono dal tipo di veicolo e dalle dimensioni dell’impresa. Le piccole imprese ricevono un aumento del 10% sul contributo e le micro del 20%.

Per ottenere l’agevolazione le imprese, devono inviare una manifestazione d’interesse entro il 14 giugno per essere considerate nella graduatoria. Le imprese selezionate possono poi presentare una richiesta di contributo, dopo aver effettuato l’acquisto dei nuovi veicoli e la rottamazione di quelli vecchi”.

Fonte: Il Sole 24 Ore