Montano sorde polemiche interne agli uffici comunali di Vicenza che dubitano che un avviso di mobilità esterna, datato 17 maggio 2018 e scaduto il 22 giugno, per 2 posti da “istruttore direttivo amministrativo” categoria D1 sia di fatto “dedicato”, nel caso, mormorato, di assenze di candidati esterni, a premiare Silvia Sartori, una comunque valida collaboratrice storica dell’ex sindaco Achille Variati ma onestamente “svantaggiata”, per le chiacchiere maliziose dei corridoi, anche dall’essere nipote di Lia Sartori.


In questo clima, non infrequente, Usb Vicenza ha inviato al direttore generale_, al sindaco Francesco Rucco e _a Valeria Porelli, assessore alle risorse umane del Comune di Vicenza_, una “richiesta in via di autotutela di sospensione della determina 1372 del 21-6-2018” che riguarda altre due assunzioni, questa volta direttamente interne. Eccola di seguito

 

La scrivente O.S. con la presente chiede in via di autotutela di sospendere l’iter previsto dalla determina in oggetto. I motivi che spingono questa o.s. a chiedere di sospendere l’iter concorsuale riguarda sia l’aspetto amministrativo che politico. Nello specifico: la determina è in attuazione del piano occupazionale approvato dalla amministrazione precedente e pertanto risponde a bisogni e priorità previste da una maggioranza politica che è stata sconfitta nelle recenti elezioni amministrative.

Correttamente prima di procedere a concorsi, assunzioni ecc. è importante capire se l’attuale amministrazione comunale è d’accordo con il piano triennale e con le assunzioni previste.
Dal punto di vista amministrativo perplessità e contrarietà al piano assunzioni erano state espresse sia dalla scrivente o.s. che dalla RSU, soprattutto sulle priorità.
Va detto a chiare lettere che molti uffici sono carenti di personale amministrativo e che questo concorso per D3 giuridico, 2 posti, non risolve minimamente in quanto trattasi di inquadramenti apicali e per di più il 50% dei posti è rivolto a personale interno.
In pratica se è giusto stabilizzare e promuovere alcuni dipendenti che svolgono già determinate mansioni da un punto di vista di aumento del personale il tutto si risolverà al massimo con una unica assunzione.
Questa o.s. chiede la sospensione della determina, che, vale la pena di ricordare, non comporta alcun danno e nessuna possibilità di contenzioso, in attesa delle direttive del Nuovo Assessore al personale a cui si chiede urgente incontro.
La scrivente invita Dirigenti e Amministrazione in indirizzo a prevedere un nuovo piano di assunzioni che preveda in via prioritaria nuove assunzioni di personale amministrativo di livello operativo proprio per permettere agli uffici di svolgere correttamente e in tempi celeri il proprio lavoro al fine di dare risposte
Germano Raniero, Usb Vicenza