Villa Da Schio a Castelgomberto, ecco dove si respira aria Settecentesca anche nel parco

1283
villa da schio
Villa Da Schio a Castelgomberto vista dalla peschiera. Foto: Marta Cardini

Una villa veneta che non ci si aspetta sorge nel cuore di Castelgomberto (Vi). Si tratta di Villa Da Schio, tuttora privata, ma visitabile. Oltre che del complesso edilizio ci si innamora subito del parco e dei giardini all’italiana con le piante secolari.

Appena si entra, si nota subito la classica struttura delle ville venete: un cortile interno
contornato da un imponente colonnato con le barchesse e la Cappella. Il complesso fu fatto costruire dalla Famiglia Piovene nella seconda metà del 1600. Dapprima la costruzione iniziò lungo l’attuale strada statale, ma a causa di una piena del torrente Agno che scorre a poca distanza, si decise di edificare nella posizione dove oggi si trova la villa.

villa da schio
Villa Da Schio vista dal cortile interno. Foto: Marta Cardini

Studi recenti hanno mostrato che dapprima vi erano due distinti corpi di fabbrica, l’uno adiacente all’attuale cappella, e l’altro nella zona retrostante le barchesse. Il progetto della villa è attribuito all’architetto Antonio Pizzocaro che seguì le orme palladiane.
Per poter disporre del parco, i Piovene fecero deviare il torrente Poscola che altrimenti sarebbe passato attraverso il parco stesso, deturpandone l’armonia.
Dalla famiglia Piovene, la villa passò per eredità alla famiglia da Porto e successivamente alla famiglia da Schio attuale proprietaria.
Oggi la villa è una location esclusiva sia eventi privati quali matrimoni, meeting, feste, ricevimenti che luogo dove trovare ospitalità.

villa da schio
Un vialetto percorribile all’interno del parco della villa. Foto: Marta Cardini

All’esterno della Villa si trovano un grande parco e dei giardini, in cui è possibile godere della natura di piante secolari meravigliose. Il parco riprende infatti il tradizionale disegno settecentesco, con i viali di piante secolari e ampi spazi verdi. A rendere maggiormente di interesse la passeggiata nel parco di villa da Schio è la presenza di numerose statue a soggetto biblico e mitologico, ben 35 sono opere dell’officina del Marinali.

Dopo aver percorso gli ampi viali si arriva davanti alla facciata esterna della villa dove si incontra il classico giardino all’italiana caratterizzato da siepi di bosso e da alberi di limone. A fianco si trova la “peschiera”, una grande piscina in pietra, alimentata dall’acqua del torrente Poscola.

villa da schio
La peschiera di Villa Da Schio. Foto: Marta Cardini

Villa da Schio ogni anno, apre ai visitatori dall’inizio del mese di aprile sino a fine di ottobre.
Svariati sono gli aneddoti e le curiosità che si possono apprendere nel corso di una visita, a partire dal luogo di costruzione della villa che era previsto lungo l’attuale strada statale e lì iniziò, ma a causa di una piena del fiume Agno che allagò il cantiere si decise di trasferire il tutto in luogo più sicuro, appunto dove sorge ora. A testimonianza di ciò, nella casa originaria è ancora collocata una lapide.

Anche il parco ha la sua curiosità storica. Nel periodo della seconda guerra mondiale, la villa fu occupata come quartier generale e la “peschiera” trasformata in una piscina per il diletto degli ufficiali.

Villa Da Schio merita una visita anche solo per respirare l’aria Settecentesca che si sente negli spazi sia interni che esterni.

villa da schio
Alcune piante presenti nei giardini della villa. Foto: Marta Cardini