28 ottobre 1922, giornata nefasta. Fantò (Psi Vicenza): Comune completi targa per Giacomo Matteotti con “martire socialista e antifascista”

1195
Piazza Giacomo Matteotti a Vicenza con la targa Uomo politico
Piazza Giacomo Matteotti a Vicenza con la targa Uomo politico

Il 28 ottobre del 1922 con la marcia su Roma – scrive nella nota che pubblichiamo Luca Fantò, segretario PSI Vicenza capoluogofu una giornata nefasta per il nostro Paese. Paese che in quei giorni fu consegnato ad una banda di spregiudicati affaristi che ne approfittò imponendo con la forza la dittatura fascista. Molti furono gli italiani che si opposero al nascere di quella dittatura e quindi molti furono i caduti. Il deputato socialista Giacomo Matteotti non fu né il primo né l’ultimo ma ne è tuttora il simbolo.
Oggi noi socialisti vicentini, nella ricorrenza di quella giornata nefasta, preferiamo ricordare i molti che alla barbarie fascista vollero e seppero opporsi, preferiamo ricordare Giacomo
Matteotti, colui che sacrificò la sua vita per denunciare e combattere quella banda di feroci affaristi.
Tra pochi mesi sarà il centenario dell’omicidio Matteotti, noi socialisti siamo certi che il Comune di Vicenza, medaglia d’oro per la Resistenza, saprà celebrarlo degnamente con una
serie di iniziative culturali e completando la targa nella piazza Matteotti intitolata con la dicitura “martire socialista e antifascista”.
Luca Fantò
Segretario PSI Vicenza capoluogo