Agsm Aim Energia si aggiudica cinque lotti della gara Consip e passa dal 4% al 30% dei volumi di energia gestita per le PA

460
Asse Vicenza-Verona Agsm Aim utili telecontrollo
Agsm Aim

AGSM AIM Energia, società di vendita di energia elettrica e gas del Gruppo AGSM AIM, si è aggiudicata cinque lotti dalla Gara Consip EE21, finalizzata all’identificazione degli operatori responsabili della fornitura di energia elettrica alla Pubblica Amministrazione nel 2024.

AGSM AIM Energia diventerà quindi nuovo fornitore di Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige (lotto 4), Liguria e Sardegna (lotto 7), Puglia e Basilicata (lotto 14) e del Lotto Italia (lotto 17, dedicato a clienti con consumo annuo superiore a 1 GWh e che abbiano almeno 10 punti di prelievo dislocati su di un’area geografica che insista sugli ambiti territoriali relativi ad almeno 5 dei 16 lotti compresi tra il Lotto 1 ed il Lotto 16, ad esempio RAI – ANAS – CNR – Agenzia delle Entrate ecc).

Confermate invece le regioni Valle d’Aosta e Piemonte (lotto 1) già fornite nel 2023. In seguito a tale assegnazione, la quota di mercato di AGSM AIM Energia cresce significativamente passando dal 4% al 30% dei volumi di energia gestita per le PA.

La convenzione che stipulerà con Consip per i vari Lotti avrà durata di 12 mesi nell’ambito dei quali potrà accogliere ordinativi dalla Pubblica Amministrazione per un volume complessivo di energia elettrica pari a 3,7 TWh [e un fatturato stimato pari a circa 1.000.000.000 euro].

Le dichiarazioni

“L’aggiudicazione di cinque lotti Consip è motivo di particolare soddisfazione in quanto testimonia il peso specifico di AGSM AIM Energia nel settore e le consente di essere sempre più un interlocutore primario non solo nei territori in cui è radicata ma anche in tutta Italia e, in particolare, nella Pubblica Amministrazione”, commenta Fabio Candeloro, consigliere delegato.

“L’aggiudicazione di cinque nuovi lotti e la riassegnazione di alcuni per i quali AGSM AIM Energia era stata precedentemente fornitrice sono la conferma di quanto la società abbia tutte le carte in regola per confermarsi tra i player di riferimento nel mercato energetico italiano”, conclude Stefano Quaglino, consigliere delegato.