Arpav, assessore veneto Bottacin: “eccellenza a livello nazionale, ha sollevato per prima il caso Pfas”

L’assessore all’Ambiente del Veneto, Gianpaolo Bottacin
L’assessore all’Ambiente del Veneto, Gianpaolo Bottacin
- Pubblicità -

Dopo l’approvazione da parte della giunta regionale, sarà domani al vaglio della Commissione consiliare competente il piano pluriennale delle attività dell’Arpav.
“Si tratta di un lavoro complesso quello che Arpav proseguirà nei prossimi anni, che verrà compiuto con la solita efficienza, sebbene in un’ottica di riorganizzazione e risparmio delle forze” spiega in un comunicato l’assessore regionale veneto all’Ambiente Gianpaolo Bottacin, che evidenzia alcune peculiarità dell’articolata attività dell’agenzia regionale. “Essa svolge interventi di carattere tecnico scientifico sul territorio regionale prevalentemente a livello ambientale – nota ancora l’Assessore – un’attività complessa che va dai monitoraggi, controlli, misurazioni ambientali, al supporto tecnico amministrativo nella valutazione dei danni per finalità giudiziarie, ma anche formazione ed educazione e molto altro: sono stati 11mila i siti e le aziende controllate – evidenzia l’assessore – 28 mila le ispezioni e 32mila i controlli effettuati, 62mila i campioni o misure analizzate, 22mila le valutazioni prodotte, 5mila le commissioni e gli incontri tecnici a cui si è preso parte nel 2020. Dati numericamente davvero importanti, anche tenuto conto della particolarità di un anno molto condizionato dal coronavirus”.

“Nel rispetto degli attuali limiti legislativi – prosegue l’assessore – il nostro piano del personale del triennio che si va a completare, nel 2022 ha previsto un numero importante di assunzioni e ulteriori saranno programmate per gli anni successivi, così da garantire un incremento rispetto al personale in uscita per pensionamento senza incidere sulla qualità delle prestazioni eseguite, ma mantenere sempre una grande professionalità del personale impiegato. Questo trend positivo si è manifestato già nel corrente anno, che andrà a chiudersi con un aumento di 53 unità invertendo sensibilmente la tendenza degli ultimi anni”.

“Si tratta di un’agenzia che da sempre è all’avanguardia. Un’eccellenza a livello nazionale anche nell’analisi di tematiche nuove e difficili – sottolinea l’assessore – come il caso della problematica Pfas che, proprio tramite la nostra agenzia, già nel 2013, il Veneto è stato il primo a sollevare”.

“Sono tanti interventi che compiamo in un territorio estremamente variegato che spazia dalla costa alla montagna – conclude l’assessore -. E cerchiamo di farlo con numeri di personale adeguati, come si può evidenziare da un raffronto ad esempio con la Campania, che pur con problematiche ambientali maggiori ha numeri di personale inferiori a quelli del Veneto”.

-Pubblicità-
Fondato nel 2006, come VicenzaPiù, dal 2020 ViPiù, quotidiano web di approfondimenti su informazioni e di libere opinioni su Veneto (focus Vicenza), Nord est, Roma (Lazio), Latina con focus su Riviera di Ulisse e Monti aurunci, Italia e con uno sguardo su Europa e mondo