Assente al lavoro da due anni per assistere la madre al Sud, GdF denuncia per truffa un radiologo nel Veneziano

441
Assente al lavoro

Era assente al lavoro da quasi due anni poiché beneficiava del congedo straordinario per assistere la madre disabile residente in una città del Sud Italia, ma in realtà non si è mai mosso da Venezia, frequentando assiduamente i locali pubblici di Mestre e continuando a dedicarsi unicamente ad interessi e attività personali, pur percependo la specifica indennità sostituiva dello stipendio erogata dall’Inps.

Questa la vicenda di un radiologo, in forza a una casa di cura veneziana, portata alla luce dalle indagini del comando provinciale della Guardia di Finanza di Venezia che hanno eseguito, su delega della Procura della Repubblica di Venezia, un decreto di sequestro preventivo emesso del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale lagunare per l’importo di oltre 38 mila euro, quale profitto della truffa che sarebbe stata perpetrata nei confronti dell’Inps.

L’uomo è stato scoperto grazie a indagini eseguite dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Venezia attraverso pedinamenti, appostamenti, analisi di tabulati telefonici e di dati bancari, che avrebbero consentito di accertare che il radiologo, durante il congedo grazie al quale è stato assente al lavoro per due ani, non avrebbe prestato assistenza alla madre ma, come peraltro confermato da numerosi riscontri testimoniali e documentali, non si è mai mosso dal Veneto.

Il tecnico è stato, pertanto, denunciato per truffa e la Guardia di Finanza interesserà anche la Corte dei Conti per l’avvio del procedimento per danno erariale relativo alle somme indebitamente percepite.