Bramezza (dg ULSS 7 Pedemontana): negli ultimi 12 mesi crescita prestazioni in tutti gli ospedali e recupero liste di attesa

458
Carlo Bramezza, i numeri di fine anno della Ulss 7 Pedemontana
Carlo Bramezza, i numeri di fine anno della Ulss 7 Pedemontana

Le prestazioni sanitarie dell’ULSS 7 Pedemontana nel corso del 2023 hanno segnato, come da riferito il Direttore Generale Carlo Bramezza,  un notevole aumento, evidenziando significativi progressi in diverse aree. Le prestazioni ospedaliere hanno registrato un totale di 36.217 ricoveri, con un incremento del 3% rispetto al 2022 e un aumento del valore della produzione di circa 3.8 milioni di euro. Gli interventi chirurgici sono saliti a 23.942, rappresentando un aumento dell’8%, mentre le prestazioni ambulatoriali hanno raggiunto quota 919.376, con una crescita del 7% rispetto all’anno precedente.

Particolarmente significativa è stata la gestione del Pronto Soccorso, che ha registrato oltre 145.000 accessi, segnando un aumento di 7.000 unità rispetto al 2022. Le azioni mirate per ridurre le liste di attesa hanno portato a un recupero di oltre 19.000 prestazioni, superando l’obiettivo regionale e consentendo la prenotazione senza alcun tempo d’attesa per molte prestazioni con priorità B e D.

L’aumento delle prescrizioni, che ha raggiunto un nuovo record con oltre 331.000 visite ed esami richiesti nel 2023, ha posto l’accento sull’importanza di lavorare sull’appropriatezza delle prescrizioni per gestire la crescente domanda in modo sostenibile. Il Direttore Generale Carlo Bramezza ha sottolineato l’impegno strategico nell’affrontare questa sfida, collaborando con specialisti ospedalieri e la medicina territoriale.

Nel campo delle nuove tecnologie e metodiche innovative, l’ULSS 7 Pedemontana ha implementato progressi significativi, introducendo attrezzature all’avanguardia in diversi settori, come l’Endoscopia, la Radiologia, la Cardiologia e la Procreazione Medicalmente Assistita.

L’azienda ha anche concentrato i suoi sforzi sul potenziamento e l’innovazione infrastrutturale, con un impegno straordinario nel contesto del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Sono in corso 16 opere infrastrutturali per un investimento complessivo di oltre 38,2 milioni di euro, tra cui la realizzazione di Case della Comunità, Centrali Operative Territoriali, Ospedali di Comunità e il progetto innovativo Pinqua.

Il potenziamento degli organici è stato un altro fronte prioritario, con 359 nuove assunzioni nel corso del 2023, di cui 128 medici e 229 lavoratori del comparto. L’azienda ha anche siglato nuovi accordi sindacali per valorizzare e promuovere le competenze interne, mantenendo un focus sulla progressione di carriera e l’adozione di un modello organizzativo innovativo basato su progetti.

Il Direttore Generale ha sottolineato l’importanza di investire nelle persone e nella loro crescita professionale come strategia per affrontare le sfide attuali nel settore sanitario, dimostrando un impegno continuo verso l’innovazione, l’efficienza e la qualità dei servizi erogati.