Capillarità e accessebilità: Società Vicentina Trasporti rilancia il servizio serale e interroga l’utenza sulla qualità

266
sciopero tpl vicenza Bonus abbonamenti autobus Vicenza svt
Autobus SVT Società Vicentina Trasporti

Società Vicentina Trasporti (Svt) è pronta a rilanciare il servizio serale annunciando accorgimenti che lo renderanno più capillare e accessibile all’utenza che, nel frattempo, viene interrogata sul livello di qualità generale.

È la società stessa del trasporto che lo rende noto annunciando che, da lunedì 11 febbraio 2024, sarà attivo il nuovo servizio serale a chiamata con “significative novità”. Tra queste una migliore copertura del territorio. Svt ha infatti aggiunto 81 nuove fermate alle 225 già previste: totale 306 fermate per coprire in modo più completo e capillare tutta l’area urbana di Vicenza, periferia compresa.

Confermato il servizio a chiamata attraverso il quale l’utente gode di un servizio tempestivo (attesa media di circa 20 minuti) ed efficiente sul piano dei costi di gestione e più sostenibile sul piano ambientale. Come in passato, il servizio è attivo tutti i giorni dalle 20 e 30 alle 23 e 30, dalla domenica al venerdì sera e il sabato dalle 20 e 30 alle 3 e 30, fatta eccezione per Natale, vigilia di Capodanno, giorno di Pasqua e 1° maggio.

Sulla modalità di prenotazione delle corse per il servizio serale, Svt parla anche della novità relativa alla prenotazione delle corse. “Da lunedì 11 marzo 2024 – si legge in una nota – sarà attiva infatti una nuova app, denominata SVT ChiamaBus, disponibile sia per Android che iOS. Rispetto alla precedente app, che rimarrà attiva solo per il servizio PeriMetrò, SVT ChiamaBus consente di prenotare la corsa serale in modo più facile e intuitivo, con pochi semplici passaggi, e introduce una nuova funzionalità particolarmente utile: essere informati in tempo reale sulla posizione dell’autobus rispetto alla fermata prenotata, segnalando così all’utente i tempi di attesa effettivi”.

Poiché dall’11 marzo l’app precedentemente in uso “SVT Servizio a chiamata” non sarà più attiva per il servizio serale, la ditta raccomanda agli utenti di cancellarla e scaricare quanto prima SVT ChiamaBus. In alternativa alla nuova app, rimane confermata la possibilità di richiedere una corsa serale chiamando il call center al numero 0444 223113, attivo dal lunedì al sabato (esclusi i festivi) dalle 7 alle 20. Sia tramite app sia tramite call center la prenotazione dell’autobus Serale può essere fatta per una corsa immediata (che in questo caso viene programmata entro i successivi 30 minuti), per un giorno specifico o per più giorni (per un periodo sino a 7 giorni successivi).

“SVT è stata tra le prime aziende di trasporto pubblico locale a credere nei servizi a chiamata – sottolinea il presidente Simone Vicentini – e questo ci consente di offrire agli utenti un servizio più tempestivo e capillare nelle fasce orarie serali in cui altrimenti, con le normali corse di linea, per forza di cose gli utenti avrebbero delle attese ben superiori”.

A questo riguardo va sottolineato che l’iniziativa è stata realizzata grazie ad un contributo concesso dalla Regione Veneto al Comune di Vicenza per la sperimentazione di servizi di sharing mobility sulla base di un progetto proposto dall’amministrazione comunale insieme a SVT.

La società inoltre invita gli utenti a partecipare in forma anonima, fino al 10 marzo, al questionario online oppure presso le fermate sulla soddisfazione dei clienti per la qualità del servizio.

Al fine di una rilevazione il più possibile puntuale, sono stati predisposti 5 diversi questionari, in base alla diversa tipologia di servizio utilizzato dagli utenti: sul trasporto extraurbano e sui servizi di rete urbana a Vicenza, Bassano, Recoaro e Valdagno. In ciascun questionario gli utenti hanno la possibilità di esprimere la propria valutazione in merito ad una serie di parametri come la sicurezza dei passeggeri, l’affidabilità del servizio, il comfort a bordo, ma anche le informazioni fornite agli utenti, la cortesia e professionalità del personale, oltre ad una serie di altre tematiche più specifiche.

L’indagine sarà realizzata in forma mista: attraverso una serie di quesiti online e tramite interviste a campione condotte presso le fermate da operatori incaricati. In entrambe le modalità la ricerca sarà condotta rigorosamente in forma anonima e senza necessità di alcun tipo di registrazione. Per quanto riguarda il questionario online, tutte le indicazioni sono già disponibili sul sito.