Caro energia, mozione del consigliere Piccinini (VA) per controlli sui rincari

388
Tomas Piccinini caro energia antitrust
Tomas Piccinini

Dietro al Caro energia potrebbero celarsi speculazioni dei colossi internazionali del settore, A pensarlo sono in molti. Tra questi anche Tomas Piccinini consigliere regionale di Veneta Autonomia che sostiene di aver depositato oggi una mozione indirizzata alla Giunta regionale del Veneto.

L’ente è chiamato a tutelare le famiglie e le imprese dal rischio speculazione attivando meccanismi di controllo per scongiurare speculazioni nei costi delle materie prime che hanno subito pesanti rincari.

“Famiglie e imprese vivono un momento drammatico, segnato dal susseguirsi di crisi
significative, -spiega il consigliere -. Prima quella generata dalla pandemia, quindi la situazione finanziaria mondiale e ora le conseguenze, in particolare a livello energetico, della guerra in Ucraina: un quadro impensabile solo pochi anni fa, che ha generato un rialzo esponenziale del prezzo di molte se non tutte le materie prime.

Borsa della spesa sempre più cara da riempire e utenze da pagare: l’asticella della criticità è arrivata ad un tale livello da rendere concreto il rischio, per molte persone, di ritrovarsi nella condizione di povertà o comunque di non riuscire più a provvedere a loro stessi.

A documentare la situazione – osserva il consigliere – è il numero di persone che aumentano giorno dopo giorno e si rivolgono ai centri e alle associazioni assistenziali. E’ solo di pochi giorni fa l’inchiesta di un quotidiano nazionale che raccontava dei posti letto gratuiti a disposizione della Caritas di Verona che da mesi sono sistematicamente occupati.

Si può trattare anche di persone che lavorano: perché è chiaro che un solo stipendio oggi non è più garanzia. In questo scenario ci sono però molti interrogativi. Pensiamo a quanto successo in questi giorni con il gas: dopo l’annuncio dell’Europa del tetto ai prezzi il costo è crollato di colpo.

Come non pensare che dietro al Caro energia dettato dai rialzi vertiginosi delle settimane precedenti ci fosse solo una speculazione?

E cosa dire di ciò che avviene nel mercato del legname? Nel 2021 per un bancale di cinque
quintali di legna servivano 180 euro oggi siamo a 300 euro; un sacco da 15 chilogrammi di pellet è passato da 4 a 12 euro.

Ritengo pertanto, doveroso presentare la mozione con la quale chiedo alla Giunta regionale in primo luogo di attivare, sia in proprio che attraverso Enti e Uffici preposti del territorio, meccanismi di verifica e controllo del mercato al fine di evitare il rischio di ogni forma
di speculazione e aiutare concretamente le fasce più deboli della popolazione.

In secondo luogo, chiedo che venga segnalato all’Autorità preposta ogni eventuale abuso che dovesse essere accertato”, conclude Piccinini.