Dopo la chiusura del bar Ai due Calici di Vicenza per i disordini dello scorso weekend il comune potrebbe revocarne la licenza.

Un aggravio, dunque, del provvedimento di sospensione del titolo con chiusura per un mese del locale pubblico, adottato dal questore Paolo Sartori (leggi il nostro resoconto della vicenda).

“Ringrazio il questore per la tempestività dell’intervento e per tutta l’attività di ordine pubblico che sta portando avanti in città – dichiara il sindaco di Vicenza, Francesco Rucco -.

Sul caso specifico, visto che il locale è recidivo, stiamo valutando dei provvedimenti restrittivi, senza escludere la possibilità della revoca della licenza di attività di somministrazione, in quanto chi non è in grado di operare nel rispetto delle regole non può lavorare, soprattutto in zone della città dove si creano problematiche di sicurezza e di ordine pubblico. Quindi ci prendiamo il tempo di approfondire giuridicamente la cosa e poi di decidere”.

Il locale era già stato chiuso dal questore Sartori gli scorsi 29 marzo e 30 maggio rispettivamente per 15 e per 10 giorni, in considerazione delle gravi problematiche di ordine e sicurezza pubblica che si erano venute a creare negli ultimi tempi, culminate in ripetuti episodi di rissa che avevano visto coinvolti gruppi di avventori del locale, in un caso anche con aggressione e ferimento di agenti di polizia.