“Grave e reiterato atto vandalico, speriamo di natura non ideologica” – così commentano i consiglieri Selmo (Da adesso in poi), Marchetti e Marobin (Partito Democratico) il recente sradicamento dei ciliegi piantati a Parco Fornaci per le Giornate internazionali contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia.

“Da due anni partecipiamo alla bella iniziativa della piantumazione di ciliegi promossa da Volt, Più Europa, Verdi e Demos” – spiegano i consiglieri – “un piccolo gesto di sensibilizzazione che purtroppo è stato a più riprese insultato, con le piante e le targhe vandalizzate”.

“Bisogna alzare la guardia per capire se questi atti di vandalismo abbiano una matrice ideologica” – sostiene Selmo – “Parco Fornaci deve continuare ad essere il luogo rappresentativo di tutte le differenze, episodi come questo non vanno presi sotto gamba dall’Amministrazione. Speriamo sia solo uno scherzo di cattivo gusto, ma Vicenza deve essere garante della diversità anche preservando luoghi come questo”.

Per questo i consiglieri hanno chiesto con una interrogazione presentata oggi in Consiglio comunale se la Giunta sia a conoscenza dei fatti, se vi sia modo di capire chi sia il colpevole del gesto, e come fare per prevenire simili episodi in futuro.

Giovanni Selmo – Da Adesso in Poi
Alessandra Marobin – Partito Democratico
Alessandro Marchetti – Partito Democratico