Non è in questione la reputazione degli Alpini, Coordinamento Donne Cgil Veneto a Elena Donazzan: è in questione la libertà delle donne

Coordinamento Donne Cgil Veneto polemico con Elena Donazzan
Coordinamento Donne Cgil Veneto polemico con Elena Donazzan

Non condividiamo le dichiarazioni dell’assessora regionale Elena Donazzan su quanto avvenuto a Rimini – scrive nella nota che pubblichiamo il Coordinamento Donne Cgil Veneto che prende spunto anche da “una frase in particolare che, catturata dai microfoni di Tva Vicenza, è di quelle destinate a diventare rapidamente un caso: «Se uno mi fa un sorriso e mi fischia dietro, io sono contenta»“-.

Ciò che è successo è molto grave. Le testimonianze raccolte dagli organi di informazione sono numerose e vanno nella stessa direzione: nel migliore dei casi ci sono state molestie verbali, nel peggiore molestie fisiche.

Né le prime, né tanto meno le seconde – prosegue il Coordinamento Donne Cgil Veneto – si possono derubricare, come se si trattasse di un corteggiamento innocente o in alcuni casi sfuggito di mano. Peraltro, molte delle vittime erano lavoratrici che stavano svolgendo il loro lavoro, quindi non era neanche così facile per loro allontanarsi da chi gli rivolgeva parole sgradevoli, o peggio.

Non si può sostenere che dobbiamo aspettare le denunce formali per prendere atto del problema. Rimini non è un caso isolato. Basta rileggersi le cronache del Capodanno in piazza in molte città italiane per rendersene conto. Il problema dunque c’è e si ripete fin troppo spesso, e merita una reazione di indignazione forte e collettiva.

In definitiva, non è in questione la reputazione degli Alpini, le responsabilità sono sempre individuali. È in questione la libertà delle donne, che non vogliono più essere considerate un oggetto di piacere, ma persone in carne, ossa, sentimenti, soggettività, che vanno rispettate e messe nelle condizioni di autodeterminarsi in tutte le scelte della loro vita, a partire da quelle sessuali.

Le Forze dell’Ordine, la Magistratura indagheranno.

Le istituzioni, la politica, le forze sociali, anche i corpi militari hanno un altro compito: educare al rispetto e alla libertà propria e altrui.

Anche per questo- conclude il Coordinamento Donne Cgil Veneto, da un’assessora che ha le deleghe alle pari opportunità e all’istruzione, ci saremmo aspettate una presa di posizione di altro tenore. La lotta delle donne ha fatto fare passi enormi alla nostra società sui diritti civili. Ancora non basta. Continueremo a lottare

——
Fonti: Non è in questione la reputazione degli Alpini, è in questione la libertà delle donne , CGIL Veneto