Crisi climatica, danni in Veneto. Formaggio (FdI): “I bacini non bastano, bisogna pulire i corsi d’acqua e aiutare l’agricoltura”

267
Crisi climatica in Veneto, tra siccità e alluvioni: per Joe Formaggio bisogna pulire i fiumi e aiutare l'agricoltura
Crisi climatica in Veneto, tra siccità e alluvioni: per Joe Formaggio bisogna pulire i fiumi e aiutare l'agricoltura

La crisi climatica con i fenomeni estremi di siccità e alluvioni è ormai una realtà, e quanto accaduto nell’ultima settimana di febbraio in Veneto ha fatto capire ancora una volta che la nostra regione sotto molti aspetti è vulnerabile dal punto di vista idrogeologico. I bacini di laminazione hanno salvato le città, ma da soli non bastano. Passata l’emergenza, numerosi sono stati i commenti e le richieste di intervento in tal senso. Sul tema ha parlato anche il consigliere regionale Veneto Joe Formaggio, del gruppo Fratelli d’Italia – Giorgia Meloni. “Va rimesso in discussione – ha sostenuto Formaggio – il paradigma tradizionale della gestione del territorio, alla luce di una condizione climatica imprevedibile, con il maltempo che genera disastri: non è più un’ipotesi, ma è già una realtà”.

lago di fimon fine vita formaggio suicidio assistito
Il consigliere regionale Joe Formaggio

Formaggio punta l’attenzione in particolare sull’agricoltura, che sta pagando il prezzo più alto della crisi climatica, delle temperature troppo alte, delle piogge scarse o troppo copiose: “I nostri agricoltori – sottolinea – ai disagi di un inverno impazzito, sommano i danni delle piogge equatoriali dei giorni scorsi. Le colture hanno subito una serie di criticità che hanno evidenziato la non rinviabilità di soluzioni efficaci. È il momento di attuare misure specifiche per liberare investimenti e risorse che prevengano le conseguenze delle prossime ondate di maltempo. Le soluzioni ci sono e le nostre colture vanno protette, liberando dai detriti fossi e letti dei fiumi, ad esempio. La realizzazione, pur positiva, di nuovi bacini di laminazione non risolve tutti i problemi. Il mio impegno – conclude Formaggio – sarà quello di sollecitare misure straordinarie per una manutenzione che metta al sicuro i nostri campi contro fenomeni e imprevisti a cui, purtroppo, il Veneto si dovrà abituare”.