Donna di Santorso sottrae 53.000 € a concittadino che pensava di andarci a convivere: deferita da Carabinieri di Piovene per circonvenzione incapace

344
Donna di Santorso circuisce concittadino (foto di archivio)
Donna di Santorso circuisce concittadino (foto di archivio)

Carabinieri della Stazione di Piovene Rocchette (qui altre notizie sui carabinieri, ndr), a conclusione di un’attività investigativa coordinata dalla Procura di Vicenza, hanno eseguito una perquisizione domiciliare a carico di una donna di Santorso cl. 1975 indagata per i reati di circonvenzione di persona incapace indebito utilizzo di carte di pagamento ai danni di un concittadino.

Carabinieri di Piovene Rocchette (foto di archivio)
Carabinieri di Piovene Rocchette (foto di archivio)

L’indagine era iniziata a dicembre 2021 quando, su segnalazione dei servizi sociali di quel Comune, i militari avevano avuto un colloquio con la vittima a seguito del quale era apparso chiaro che ci fosse qualcuno che stesse abusando della sua ingenuità e fragilità emotiva: era risultato, infatti, che dal 2019 all’uomo era stata sottratta la somma complessiva di 53.000 € attraverso prelievi bancomat, nonché sottoscrizione di assegni e di finanziamenti con cessioni del quinto, compiuti materialmente da una donna di cui la vittima non conosceva le generalità complete, ma era convinto di doverci andare a convivere in un futuro prossimo.

Da un’analisi dei documenti sottoscritti, nonché delle videoriprese effettuate presso i bancomat dove erano stati avvenuti gli ultimi prelievi, i Carabinieri erano riusciti ad individuare la donna di Santorso destinataria poi della perquisizione odierna, attività che ha permesso di rinvenire alcuni degli indumenti indossati durante i prelievi di contante, nonché porre sotto sequestro la tessera bancomat intestata all’uomo e copia della succitata documentazione bancaria.

Si rappresenta che le misure venivano adottate d’iniziativa da parte del citato Reparto procedente e che, per il principio della presunzione di innocenza, la colpevolezza della persona sottoposta ad indagini in relazione alle vicende sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna.