“Donne esasperanti” alla base dei femminicidi, critiche a Palombelli anche dalle vicentine Guarda (consigliera regionale) e D’Ospina (modella e scrittrice)

137
Palombelli
Palombelli

Anche le vicentine Cristina Guarda (consigliera regionale veneta di Europa Verde) e Elisa D’Ospina, modella e scrittrice, criticano le parole, piaciute a nessuno, pronunciate dalla giornalista Barbara Palombelli nella trasmissione Mediaset Forum.

Commentando i recenti casi di femminicidio, due in pochi giorni nel Vicentino, Palombelli aveva ipotizzato un'”esasperazione causata dalle donne” come possibile scaturigine di tali orribili gesti. Se D’Ospina usa il sarcasmo (vedi Tweet), Guarda in una nota afferma quanto segue

“Palombelli, a Forum, ha detto: “È lecito domandarsi: questi uomini erano completamente fuori di testa, completamente obnubilati, oppure c’è stato anche un comportamento esasperante, esagerato, anche dall’altra parte?” Lo ha detto parlando dei terribili femminicidi di questi giorni. Ed io non ci sto. A me hanno insegnato che la vita è inviolabile.
Invece di contribuire a educare la gente che nessun comportamento “esasperato” può motivare un omicidio, ha dato il proprio contributo ad una finta morale, che mette in dubbio il rispetto del prossimo. Nessuno può fare del male. Non esiste”.