Epifania 2024: vescovo di Vicenza al vero incontro con i popoli, tra cui 26 giovani ucraini ospitati dalle famiglie dell’Azione Cattolica vicentina

372
6 gennaio, Epifania 2024 Messa dei popoli col vescovo di Vicenza Giuliano
6 gennaio, Epifania 2024 Messa dei popoli col vescovo di Vicenza Giuliano

L’Epifania del vescovo Giuliano è stata un autentico incontro con i popoli, segnato dall’accoglienza di 26 giovani ucraini ospitati dalle famiglie dell’Azione Cattolica vicentina (fonte Diocesi di Vicenza). Questa significativa celebrazione si è svolta nella comunità delle Suore Orsoline del Sacro Cuore di Maria a Vicenza. Il vescovo ha accolto i giovani con parole che riflettono la speranza in un mondo di pace, giustizia e solidarietà, sottolineando l’importanza della loro presenza che ricorda la fede in questi valori.

6 gennaio, Epifania 2024 - Incontro vescovo Giuliano con giovani ucraini presso la comunità delle Suore Orsoline del Sacro Cuore di Maria
6 gennaio, Epifania 2024 – Incontro vescovo Giuliano con giovani ucraini presso la comunità delle Suore Orsoline del Sacro Cuore di Maria

Durante l’incontro, mons. Brugnotto ha condiviso l’esperienza della sofferenza dell’Ucraina durante l’invasione russa e l’impegno della diocesi di Vicenza nel supporto, inviando generi alimentari per un valore di 50.000 euro attraverso la Comunità di sant’Egidio. I giovani ucraini hanno ringraziato la diocesi e il vescovo, evidenziando i legami creati in quella settimana come segni di speranza. Questi ragazzi, provenienti da un paese segnato dalla guerra, hanno espresso la convinzione che l’impegno delle chiese, compresa quella italiana, possa aiutarli in varie sfaccettature della loro vita.

Il vescovo Giuliano ha risposto alla richiesta dei giovani, facendoli salire in presbiterio durante la Messa dei popoli, enfatizzando il tema della luce in relazione alla presenza degli ucraini. Nell’omelia, ha collegato l’Epifania alla festa della luce, della gioia e della missione, dichiarando che nonostante le tenebre della guerra e dell’odio, la luce della speranza risplende attraverso l’esperienza di questi giovani.

L’assemblea numerosa e festosa, rappresentativa di diverse culture e lingue, ha celebrato l’Epifania con canti, danze e testimonianze di fede. Il vescovo ha concluso l’omelia richiamando il tema del Messaggio di Papa Francesco sulla giusta distribuzione dei beni, sottolineando la necessità di garantire a tutti il diritto a una vita dignitosa per evitare cause profonde come la migrazione forzata.

In conclusione, l’Epifania del vescovo Giuliano è stata un momento di incontro, solidarietà e speranza, con un forte messaggio di impegno per la pace e la giustizia, rappresentato dalla comunione tra la diocesi di Vicenza e i giovani ucraini.