Europee, Bisin (Azione) presenta il programma e inaugura la sede a Borgo Berga

296
Lara Bisin nucleare
Lara Bisin, candidata di Azione per le elezioni europee nel collegio Nordest

Lara Bisin, candidata di Azione per il collegio Nordest alle elezioni europee presenterà il proprio programma a Vicenza. Lo farà in occasione dell’inaugurazione della sede elettorale giovedì 9 maggio 2024, alle 18 e 30 nel complesso di Borgo Berga, in piazza Pontelandolfo 74.

L’ex vicepresidente di Confindustria Vicenza (qui altre news sulla candidata di Azione, ndr) afferma: “Per lo sviluppo, per l’Europa, per la nostra terra, e contro i veti incrociati degli ideologismi, ho riassunto il mio programma in tre Sì: sì alle imprese, sì al nucleare, sì al merito. Come ho detto fin dalla mia candidatura, il futuro si costruisce solo con coraggio, unendo lungimiranza e concretezza”.

47 anni, vicentina, imprenditrice, Lara Bisin si è dimessa dalla vice presidenza di Confindustria Vicenza per correre da indipendente nelle liste di Azione, nelle quali è la prima candidata veneta di collegio, alle spalle dei big nazionali.

La sede eletorale ospiterà nelle prossime settimane incontri di approfondimento sui temi di campagna. Temi che la candidata riassume e anticipa. Il sì all’impresa – spiega – significa rimettere al centro competitività e sviluppo sostenibile. In concreto, vuol dire un massiccio piano strategico di investimenti gestito direttamente dalla Commissione europea, come proposto da Mario Draghi. Ma anche una politica industriale comune che garantisca la sicurezza degli approvvigionamenti e più investimenti in Ricerca e Sviluppo, l’armonizzazione delle aliquote d’imposta, e un piano di immigrazione di competenze qualificate.

Una politica filo-industriale e filo-sviluppo deve passare anche dall’autonomia e indipendenza energetica: ed è per questo che come secondo punto strategico dico sì al nucleare di nuova generazione. Combattendo la sudditanza e l’incertezza energetica con un mix di energie pulite che rendano sostenibile l’impianto oggi altamente ideologico del Green Deal”. 

Completa il terzetto di proposte programmatiche della candidata di Azione il tema della promozione del merito, in particolare come chiave per creare nuove opportunità per le giovani generazioni e per le donne. A partire da investimenti strutturali in formazione permanente, nella promozione dell’incontro tra formazione e lavoro, nell’eliminazione del gap di competenze scientifiche tra i ragazzi e le ragazze, con un’enfasi sulle materie scientifiche e tecnologiche e l’istituzione di un titolo accademico europeo. 

Mi sono candidata – conclude Bisin – per offrire al Nordest, e al Veneto che conosco bene, la voce di un’imprenditrice che vive in prima persona le stesse cose che vivono migliaia di partite iva, imprenditori, soggetti produttivi, innovatori. Alle imprese venete la politica chiede di vincere le Olimpiadi correndo con i piedi legati: è tempo di liberarne le migliori energie”.