Evasione fiscale, GdF Vicenza: due sequestri da 320 mila euro nei confronti di due imprenditori 

329
gdf Reddito di cittadinanza
gdf

Negli scorsi giorni i Finanzieri del Comando Provinciale di Vicenza (qui altre operazioni della GdF) hanno dato esecuzione, su delega della locale Procura della Repubblica, a due distinti decreti di sequestro preventivo per evasione fiscale emessi dal GIP del Tribunale berico nei confronti di altrettante imprese – e dei relativi rappresentanti legali – in relazione a fattispecie di reato previste dalla normativa penal-tributaria.

I citati provvedimenti cautelari, nell’ambito dei quali sono state sottoposte a sequestro somme di denaro giacenti sui conti correnti, due partecipazioni in società di capitali e un complessivo di 8 immobili (ubicati nelle province di Vicenza e Cagliari), rappresentano l’epilogo delle attività d’indagine condotte dai militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Schio.

Nello specifico, i militari del Reparto scledense, all’esito di attività ispettive condotte nei confronti di una società di capitali localizzata in Torrebelvicino (VI) e una ditta individuale con sede in San Vito di Leguzzano (VI), hanno rilevato una serie di irregolarità fiscali grazie ad una minuziosa attività di ricostruzione della capacità contributiva delle imprese oggetto di controllo, riuscendo quindi a ricostruire i reali volumi d’affari conseguiti e, di conseguenza, individuare il profitto derivante dai reati di omessa dichiarazione e occultamento o distruzione di documenti contabili.

In particolare, all’avvio della prima attività di polizia economico-finanziaria condotta nei confronti della S.R.L. – attiva nel commercio e installazione di macchine e apparecchiature industriali – l’amministratore della società aveva riferito di aver distrutto la documentazione contabile (la cui istituzione e tenuta è obbligatoria per legge) al fine di non consentire la ricostruzione dei redditi o del volume di affari conseguiti.

Pertanto, i successi approfondimenti eseguiti su delega della Procura della Repubblica di Vicenza, hanno permesso di acquisire le fatture emesse, attraverso escussioni a sommarie informazioni nei confronti delle imprese clienti, e ricostruire una base imponibile complessiva non dichiarata di oltre 250 mila €.

Applicando un’analoga metodologia ispettiva, anche per quanto concerne la ditta individuale di San Vito i finanzieri sono riusciti a ricostruire, in via analitica, i compensi percepiti dall’indagato, esercente l’attività di “agente per la vendita di prodotti vari”, per un totale di oltre 350.000 €, nonostante lo stesso non avesse mai provveduto ad istituire alcuna contabilità.

All’esito degli approfondimenti l’imprenditore era stato segnalato alla A.G. berica ai sensi degli artt. 5 e 10 del D. Lgs. 74/2000 in relazione all’omessa presentazione della dichiarazione prevista ai fini IRPEF per l’anno d’imposta 2017 nonché per la distruzione dei documenti elementari concernenti, nel caso di ispecie, le fatture emesse per le prestazioni rese nell’ambito dell’attività professionale svolta.

L’operazione delle Fiamme Gialle di Vicenza costituisce un’ulteriore testimonianza del costante presidio economico finanziario assicurato dalla Guardia di Finanza, che facendo leva sulle peculiari funzioni di polizia economico-finanziaria attribuite, riesce ad operare trasversalmente, sotto il profilo tributario e penale, per contrastare i fenomeni di evasione e frode fiscale che rappresentano un grave ostacolo allo sviluppo economico e minano il rapporto di fiducia tra i cittadini e lo Stato.