Ex Centrale del Latte, il Pd al sindaco: “qual è il motivo del mancato avvio dei lavori?”

231

A giugno 2018 – è scritto in una interrogazione dei consiglieri* del Partito Democratico – è dato l’annuncio dell’imminente partenza delle operazioni di bonifica bellica, preliminari all’avvio del progetto di recupero dell’area ex Centrale del LatteIl progetto, finanziato per 4 milioni di euro dallo Stato nell’ambito del Bando Periferie, è uno degli interventi più significativi del piano di rigenerazione urbana ideato dalla precedente amministrazione comunale e condiviso con i residenti, il comitato “Area ex Centrale del Latte”, la parrocchia del Cuore Immacolato di Maria, la Pro S.Bortolo e le altre realtà associative del quartiere.


Il progetto di recupero va oltre le finalità di mera riqualificazione edilizia, dando il via ad una riqualificazione di spazi per la cittadinanza e all’inserimento di nuove funzioni in un polo destinato, per la sua posizione baricentrica, a diventare il cuore del quartiere di San Bortolo e a svolgere funzione strategica per l’intera circoscrizione.

L’intervento riguarda la riqualificazione di una superficie complessiva di 9000 metri quadrati, con apertura di una nuovi spazi all’aperto oltre l’attuale muro, da destinare a piazza, parco, parcheggi.

Secondo il progetto, l’edificio principale potrà ospitare su più piani non solo le stanze per le attività delle associazioni del quartiere, ma anche un nuovo auditorium e un’ulteriore ampia sala, una grande terrazza per le attività all’aperto e spazi laboratoriali ricavati nel sottostante interrato, illuminato da luce naturale grazie a delle aperture verso il parco, un bar e una sala polifunzionale.

Il progetto prevede inoltre il recupero di una grande area a parcheggio e a parco, quest’ultimo dotato di una piazza per gli eventi pubblici, mentre la palazzina d’angolo potrebbe ospitare la nuova sede della guardia medica, oggi ai Ferrovieri, la cui localizzazione in questi spazi garantirebbe anche un utile presidio in orario serale e notturno, e l’ufficio della circoscrizione 5, oggi a Laghetto.

Da tempo il cantiere appare deserto: non paiono espletate neppure le operazioni di bonifica bellica e non si ha notizia dell’affidamento dei lavori.

Il quartiere sta aspettando con trepidazione l’avvio del cantiere e l’abbattimento del muro che si affaccia su Via Medici.

Dalla stampa odierna si apprende che il progetto è ancora in attesa di partire.

Tanto premesso,

si chiede al Sindaco e all’Assessore competente:

– se siano state iniziate e concluse le operazioni di bonifica bellica riguardanti il sito dell’Ex Centrale del Latte;

– quale sia il motivo del mancato avvio dei lavori del primo e del secondo stralcio del progetto;

– quali siano i tempi previsti dal cronoprogramma di progetto e quali le scadenze imposte dal Ministero per la conclusione del cantiere;

– a chi sia in capo l’attività di coordinamento e monitoraggio dei Progetti del Bando Periferie, finora gestita dal Direttore di Dipartimento dott. Danilo Guarti.

Si ringrazia fin d’ora per la cortese celere risposta, che si chiede di ricevere anche per iscritto.

*I consiglieri comunali

Cristina Balbi

Otello Dalla Rosa

Giovanni Rolando

Cristiano Spiller

Alessandra Marobin

Isabella Sala

Alessandro Marchetti