Fake news: guida alla disinformazione

293
Fake news e fact checking
Fake news e fact checking

Nell’era digitale in cui viviamo, il flusso ininterrotto di informazioni ha reso la comunicazione più accessibile e immediata che mai. Tuttavia, in questo oceano di notizie in continua evoluzione, emergono sempre più fenomeni preoccupanti che minano la fiducia nelle fonti di informazione: le cosiddette “fake news”. Queste false narrazioni, spesso create e diffuse deliberatamente per ingannare e manipolare l’opinione pubblica, rappresentano una minaccia crescente per la società contemporanea.

La diffusione incontrollata di notizie manipolate e fuorvianti ha generato un’epidemia di disinformazione che altera la percezione della realtà e mina la capacità critica di individui e comunità. In questo contesto, esplorare l’incidenza e l’impatto delle fake news nella nostra vita quotidiana diventa essenziale per comprendere e affrontare le sfide della comunicazione contemporanea.

Dove e come si diffondono le fake news

Le fake news nascono in svariati contesti, creando un clima di incertezza e confusione in diversi settori, tra cui: politica, salute, economia e intrattenimento. Le questioni politiche diventano terreno fertile per la diffusione di informazioni errate che influenzano le opinioni e i processi decisionali dei cittadini. Allo stesso modo, nell’ambito della salute, la disinformazione può portare a scelte dannose per l’individuo e la collettività.

Anche nel mondo dell’economia e dell’intrattenimento, le fake news possono distorcere la percezione pubblica e influenzare le decisioni degli investitori o degli appassionati. Questa tendenza si estende anche all’ambito del gioco d’azzardo online, dove persino i siti di tutto rispetto spesso sono oggetto di notizie fuorvianti. Eppure, esistono tante piattaforme e promozioni, come i betway bonus, che rendono questa attività piacevole e sicura.

Ad oggi, in particolar modo in seguito agli eventi legati ai conflitti tra Israele e Palestina e tra Russia e Ucraina, si è assistito a un’ampia diffusione di fake news legate alla guerra diffuse tramite social media. Tale fenomeno è alimentato dai sostenitori di entrambe le fazioni coinvolte, i quali propagano video e foto di combattimenti privi di contesto, presentandoli come autentici ma che in realtà sono stati manipolati. Vari profili social vengono creati con il solo intento di ottenere una vasta diffusione, sfruttando l’interesse globale per tali eventi. Anche alcuni regimi autoritari si avvalgono dei conflitti per diffondere disinformazione, un comportamento che potrebbe influenzare negativamente conflitti geopolitici di portata più ampia.

In questo contesto, l’intelligenza artificiale non offre alcun aiuto concreto, poiché non è infrequente imbattersi in immagini manipolate appositamente per ingannare gli utenti online. Tuttavia, collegare immagini erronee a un conflitto o a un avvenimento culturale non solo inganna, ma crea anche una distorsione della memoria storica.

Come accennato poco sopra, le fake news possono sorgere da qualsiasi evento e propagarsi fino a coinvolgere un intero paese o più parti del mondo. Un esempio recente, oltre le guerre, è il Corona Virus. Da quest’ultimo partirono moltissime informazioni errate che hanno navigato per tutto il globo, come la convinzione che la rete 5G facesse ammalare di Covid-19 oppure la credenza che fare gargarismi con la candeggina proteggesse dal virus.

Come comportarsi

Per contrastare l’ampia diffusione della disinformazione, è essenziale adottare strategie che vanno oltre la semplice regolamentazione, la quale, se utilizzata singolarmente, potrebbe comportare il rischio di violare i diritti fondamentali legati alla libertà di informazione ed espressione. È imprescindibile assumersi la responsabilità di verificare personalmente le informazioni, facendo sempre attenzione alle fonti da cui queste provengono e mantenendo un sano scetticismo nei confronti dei titoli sensazionalistici. Inoltre, un approccio educativo mirato alla comprensione dei media e all’analisi critica delle informazioni gioca un ruolo fondamentale nel contrastare la diffusione delle fake news, promuovendo così una visione più accurata degli avvenimenti.