Frode fiscale settore posa in opera arredi a Vicenza, in Veneto, nord, centro e sud Italia, GdF di Venezia: sequestri per quasi 19 mln di euro

385
Frode Fiscale, GdF di Venezia Vaglia documentazione
Frode Fiscale, GdF di Venezia Vaglia documentazione

La Procura della Repubblica di Venezia ha delegato la Guardia di Finanza all’esecuzione di un provvedimento finalizzato al sequestro preventivo di beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie per € 18.802.672,00 nei confronti di 3 aziende e 12 persone fisiche che sarebbero risultate coinvolte in una vasta frode fiscale e contributiva nel settore dell’allestimento e posa in opera di arredi.

L’operazione odierna si inserisce nel contesto di una complessa attività investigativa, diretta dalla locale Autorità Giudiziaria ed eseguita dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Venezia (qui altre notizie su GdF e su Guardia di Finanza di interesse di ViPiu.it, ndr), che ha portato in evidenza gli elementi indiziari di una sistematica evasione fiscale e contributiva che sarebbe stata realizzata grazie a una Frode fiscale da alcune aziende del Veneziano mediante l’interposizione fittizia di numerose società cartiere con sedi nelle province di Venezia, Padova, Treviso, Vicenza, Milano, Bergamo, Brescia, Trento, Udine, Roma, Latina, Lecce e Trapani.

Le cartiere avrebbero avuto in carico negli anni – solo formalmente – centinaia di lavoratori e non avrebbero provveduto a versare i debiti assistenziali, fiscali e contributivi ma li avrebbero compensati con crediti di imposta inesistenti.

Sei arrivato fin qui?

Se sei qui è chiaro che apprezzi il nostro giornalismo, che, però, richiede tempo e denaro. Se vuoi continuare a leggere questo articolo e per un anno tutti i contenuti PREMIUM e le Newsletter online puoi farlo al prezzo di un caffè, una birra o una pizza al mese.

Grazie, Giovanni Coviello

Sei già registrato? Clicca qui per accedere