Gaza, Usa: “Nessun genocidio”. Ma Casa Bianca boccia piani Israele

366
gaza genocidio sullivan

Gli Usa credono che “Israele possa e debba fare di più per proteggere la vita di civili innocenti”, ma non credono “che quello che sta succedendo a Gaza sia un genocidio”. Così il consigliere per la Sicurezza Nazionale, Jake Sullivan, durante un briefing in cui ha ricostruito per punti la posizione dell’amministrazione Biden sul conflitto a Gaza, ricordando che gli Stati Uniti hanno “fermamente e pubblicamente respinto” le accuse di genocidio.

Sullivan ha ricordato che la guerra è iniziata a causa degli attacchi del 7 ottobre di Hamas, “gruppo terroristico che ha come obiettivo di distruggere Israele”, e che gli israeliani hanno un “peso insolito e senza precedenti in questa guerra, perché Hamas usa ospedali, scuole e altre infrastrutture civili per usi militari ed ha costruito tunnel sotto aree civili, mettondo così in civili in mezzo al fuoco”.

Questo non toglie ad Israele “la responsabilità di fare tutto il possibile per proteggere civili innocenti“, ha detto ancora Sullivan sottolineando che per i civili palestinesi “questa guerra è un inferno, il livello di morte e trauma che stanno subendo è inimmaginabile, la loro pena e sofferenza sono immense, nessun civile dovrebbe subirle. Il presidente – ha spiegato ancora – ha questo nei suoi pensieri ogni giorno”.

“Continuiamo a credere che sia un errore lanciare un’operazione militare di vasta scala nel cuore di Rafah, operazione che esporrebbe al rischio un grande numero di civile senza un guadagno strategico”, ha ribadito Sullivan.

Nel criticare la scelta strategica di Israele di attaccare Rafah, Sullivan ha poi ricordato che i militari israeliani sono già entrati a Gaza City ed altri centri della Striscia “e si sono visti sempre i terroristi uscire dalle macerie perché secondo noi non c’è integrazione sufficiente tra piano militare e piano politico”.

“Siamo preoccupati per questo – ha aggiunto il consigliere per la Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, che più volte nel corso del briefing ha ribadito il “ferreo” sostegno di Washington all’alleato israeliano – abbiamo sollevato queste preoccupazioni, non con rancore, ma perché vogliamo vedere guerra concludersi con successo, vogliamo vedere Hamas sconfitta, vogliamo vedere i suoi leader consegnati alla giustizia”.

(Adnkronos) – internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)