Sul caso di Brittney Griner, la giocatrice di pallacanestro americana arrestata lo scorso febbraio all’aeroporto di Mosca perché in possesso di olio di cannabis, laa Russia giovedì ha confermato per la prima volta che erano in corso negoziati tra Washington e Mosca sullo scambio di prigionieri, dopo che gli Stati Uniti avevano proposto un accordo per liberare la star della WNBA e un altro prigioniero americano, Paul Whelan.

Il ministero degli Esteri russo ha affermato che i colloqui erano in corso attraverso un canale istituito dal presidente Joe Biden e dal presidente russo Vladimir Putin, quando si sono incontrati a Ginevra a giugno dello scorso anno.

Il portavoce del ministero degli Esteri russo Ivan Nechayev ha dichiarato giovedì che i negoziati per uno scambio sono iniziati dopo che Sergei Lavrov ha confermato la scorsa settimana che la Russia era disposta a parlare.

L’amministrazione Biden è stata sotto pressione per ottenere il rilascio di Griner dopo il suo arresto all’aeroporto internazionale Sheremetyevo di Mosca a febbraio, poiché portava in valigia due cartucce di vaporizzatori con olio di cannabis (leggi), contenenti meno di un grammo della sostanza, che, però, è vietata in Russia.

Griner ha chiesto clemenza alla corte, ma è stata condannata giovedì scorso a nove anni di carcere. I suoi avvocati hanno annunciato l’intenzione di ricorrere in appello. Intanto, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha annunciato il mese scorso che i funzionari avevano fatto un’offerta per un accordo per garantire il rilascio di Griner e Whelan, ma non ha confermato i resoconti dei media secondo cui Washington si è offerta di scambiare il trafficante di armi russo Viktor Bout, che sta scontando 25 anni di reclusione negli Stati Uniti.

L’ex Marine Whelan, 52 anni, consulente per la sicurezza arrestato nel 2018 e condannato per spionaggio nel 2020, sta scontando una pena detentiva di 16 anni.

Fonte The Vision