Il Congresso vota per ampliare il potere degli Stati Uniti di perseguire i crimini di guerra internazionali

819
crimini di guerra

Il Congresso ha approvato in via definitiva un disegno di legge che amplia il potere del governo statunitense di perseguire i sospettati di crimini di guerra internazionali che si trovano negli Stati Uniti, consentendo loro di essere giudicati da un tribunale federale indipendentemente dalla nazionalità della vittima o dell’esecutore o dal luogo in cui il crimine è stato commesso.

Secondo gli esperti, la legge, promossa da un gruppo bipartisan di legislatori in seguito alle notizie di crimini di guerra commessi dalle forze russe nel brutale conflitto in Ucraina, porta il codice legale statunitense in linea con il diritto internazionale e impedisce che gli Stati Uniti siano visti come un potenziale rifugio per i criminali di guerra.

Il disegno di legge, chiamato “Justice for Victims of War Crimes Act”, passa ora al Presidente Biden. La legge è stata approvata dal Senato e poi dalla Camera nelle ore che hanno preceduto il discorso del Presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che ha condannato la Russia del Presidente Vladimir Putin per aver preso di mira i civili e ha esortato gli Stati Uniti a continuare a inviare aiuti finanziari e militari.

Attualmente, la legge federale consente di perseguire i crimini di guerra solo se il reato è stato commesso negli Stati Uniti o se la vittima o l’autore del crimine è un cittadino o un membro del servizio americano.

I non americani che commettono crimini di guerra contro altri non americani all’estero, ma che poi entrano negli Stati Uniti, sono generalmente fuori dal campo di applicazione della legge.

La nuova legislazione significa che gli Stati Uniti non saranno più un rifugio per i criminali di guerra, secondo gli esperti, aggiungendo che si tratta anche di un deterrente tempestivo per tutti i russi, dagli alti generali ai soldati semplici, che potrebbero commettere crimini di guerra in Ucraina e poi cercare di entrare negli Stati Uniti, anche anni dopo.

Fonte: The Vision