Zelensky a Washington, con Biden gli aiuti all’Ucraina presentati come un investimento per la sicurezza globale

842
Zelensky e Biden

Volodymyr Zelensky ha incontrato Joe Biden alla Casa Bianca mercoledì, per poi tenere un discorso serale di fronte al Congresso, in cui ha sostenuto la necessità di continuare a fornire aiuti dopo 300 giorni di guerra.

Biden e Zelensky hanno presentato un fronte unito durante la prima apparizione pubblica internazionale del leader ucraino da quando la Russia ha invaso il suo Paese a febbraio, mentre Zelensky ha poi detto ai legislatori che ha bisogno di più aiuti e armi per sconfiggere la Russia, aggiungendo: “Il vostro denaro non è carità.

È un investimento nella sicurezza globale e nella democrazia che gestiamo nel modo più responsabile”. All’inizio della guerra in Ucraina, l’amministrazione Biden era cauta nel fornire armi a Kyiv, per non dare l’impressione che gli Stati Uniti guidassero lo sforzo ucraino.

Anche alla fine di marzo, l’amministrazione era ancora riluttante a confermare che i missili Stinger a spalla che stava fornendo stavano aiutando le truppe ucraine ad abbattere gli elicotteri russi, per paura di oltrepassare le linee rosse del Presidente russo Vladimir Putin, come ricorda il New York Times. Ma nei mesi le cose sono cambiate.

Con l’annuncio di mercoledì che gli Stati Uniti avrebbero inviato una batteria di Patriot in Ucraina, la gamma di armi che il Presidente Biden ha approvato comprende ora uno dei sistemi di difesa aerea più avanzati d’America, in grado di abbattere i missili balistici russi.

Fonte: The Vision