Imbrattamento di Palazzo Ghellini a Vicenza, sindaco Giacomo Possamai: identificati e denunciati due giovani

166
Palazzo Ghellini a Vicenza
Palazzo Ghellini a Vicenza

Il 27 settembre 2023, Palazzo Ghellini, situato in contra’ Sant’Antonio, è stato teatro di un atto vandalico perpetrato da due giovani uomini, P.S. di 21 anni e M.A. di 19 anni. Questi individui hanno imbrattato con dei pennarelli il pozzo e gli intonaci dell’edificio barocco del XVII secolo, una proprietà privata e un’autentica opera d’arte firmata dall’architetto Antonio Pizzocaro. L’edificio è sottoposto a vincolo da parte della Sopraintendenza, riconoscendone il valore culturale e storico.

L’atto di vandalismo non è passato inosservato, grazie all’efficace lavoro degli agenti della Polizia Locale e delle Forze dell’Ordine, che hanno diligentemente individuato e denunciato i responsabili del gesto incivile. Il sindaco Giacomo Possamai ha espresso la sua gratitudine nei confronti delle forze dell’ordine per l’identificazione tempestiva degli autori, sottolineando l’importanza di preservare l’incantevole centro storico della città, dichiarato patrimonio dell’UNESCO.

“Invito chiunque a non imbrattare la nostra città, che è patrimonio dell’UNESCO ma soprattutto è di tutti coloro che la amano e se ne prendono cura. E chi compie questi gesti deprecabili sappia che non resterà impunito,” ha dichiarato il sindaco Possamai, evidenziando la necessità di un impegno collettivo per proteggere il ricco patrimonio culturale della comunità.

La scoperta degli autori è stata resa possibile grazie alle immagini catturate dalle telecamere di videosorveglianza del palazzo. Questo strumento di sicurezza, installato per monitorare l’area circostante, è diventato fondamentale nel processo di individuazione, consentendo ai proprietari di confrontare i volti dei due giovani con le persone presenti durante l’incidente. La querela è stata depositata presso il comando della polizia locale di contra’ Soccorso Soccorsetto, e i due giovani sono stati deferiti all’autorità giudiziaria.

Il reato contestato è grave, includendo distruzione, dispersione, deterioramento, deturpamento, imbrattamento e uso illecito di beni culturali e paesaggistici. L’atto vandalico ha così assunto una dimensione legale, con conseguenze giuridiche per i responsabili. La città, unita nella volontà di tutelare il proprio patrimonio, guarda con fiducia al sistema giudiziario affinché giustizia venga fatta.

——
Fonte: Imbrattamento di Palazzo Ghellini, identificati e denunciati due giovani , Comune di Vicenza

Qui tutti i comunicati ufficiali del Comune di Vicenza