Lara Bisin, candidata Azione al Parlamento UE nel nordest, inaugura sede elettorale a Vicenza con “tre sì”. Saluto di Possamai, risposte a ViPiù

Lara Bisin ha evidenziato la necessità di dare una svolta in tre aree chiave, sintetizzate nei suoi "Tre Sì": sì all'impresa, sì al merito e sì al nucleare

668

Lara Bisin, candidata di Azione al Parlamento Europeo per la circoscrizione nordest, ha inaugurato oggi pomeriggio, 9 maggio, proprio la data della Giornata dell’Europa, la sua sede elettorale in Piazza Pontelandolfo n. 74, a Vicenza. In un’atmosfera tra convivialità e impegno politico, ha spiegato la sua decisione di candidarsi e ha delineato i punti chiave della sua campagna elettorale (in copertina il video del suo intervento, dei saluti del sindaco di Vicenza Giacomo Possamai e delle risposte alle nostre domande, di seguito quello degli interventi di due esponenti adi Azione, tra i vari intervenuti, Francesca Carli, animatrice anche dell’associazione PER, e Massimo Del Monte, ndr).

Buonasera a tutti e benvenuti. Grazie per essere qui. Ringrazio il sindaco Giacomo Possamai che sarà presente nonostante i suoi impegni di queste giornate e tutti gli amici di Azione che sono qui stasera” ha esordito Lara Bisin, candidata di Azione al Parlamento Europeo nel nordest. “Vorrei ringraziare anche la responsabile dell’Associazione Politica Francesca Carli, il nostro segretario cittadino Massimo Dal Monte, e la segretaria provinciale Marica Dalla Valle per il supporto che mi state dando in questa avventura.”

La decisione di candidarsi: dare una svolta alla politica

La candidata di Azione al Parlamento Europeo nel nordest ha spiegato la sua decisione di mettersi in gioco: “Molto spesso mi chiedono perché mi sono candidata. Ero vicepresidente in Confindustria Vicenza, ho un’azienda, ma ho deciso che era il momento di dare una svolta alla politica. In questo momento, molte persone non hanno voglia di votare. Credo che riconoscersi nei valori di Azione e nei principi che rappresenta, mi abbia dato la voglia di dire ‘ci sono’.

Lara Bisin ha evidenziato la necessità di dare una svolta in tre aree chiave, sintetizzate nei suoi “Tre Sì”: sì all’impresa, sì al merito e sì al nucleare. “Arrivo dal mondo dell’impresa e per tanti anni ho cercato di portare avanti i valori della cultura imprenditoriale. Serve una politica industriale comune in Europa che aiuti le nostre imprese a crescere” ha detto la candidata.

Tre Sì per il futuro dell’Europa

1. Sì all’impresa: “Serve una politica industriale comune che riporti al centro i valori fondanti delle nostre imprese e garantisca l’approvvigionamento energetico. Dobbiamo liberare le nostre energie e consentire alle imprese del nordest di correre verso il futuro.”

2. Sì al merito: “Abbiamo bisogno di competenze qualificate per avere un futuro pianeggiante, non in salita. Dobbiamo investire nella formazione dei giovani e delle donne per creare una società competente e all’avanguardia.

3. Sì al nucleare: “Dobbiamo dire sì alle energie rinnovabili, ma anche al nucleare di nuova generazione per garantire un approvvigionamento energetico stabile.”

Giacomo Possamai: “Lara incarna perfettamente i valori di Azione”

Giacomo Possamai, sindaco di Vicenza, arrivato poco dopo la fine del primo intervento di Bisin e di Carli, nonostante gli impegni, anche operativi, legati alla 95ª Adunata nazionale degli Alpini, è intervenuto durante l’inaugurazione per esprimere il suo sostegno alla candidatura di Lara Bisin: “Pur appartenendo al PD ma ricordando la corsa comune e vincente alle ultime amministrative sono felice di essere qui per fare un in bocca al lupo a Lara per questa corsa. La sua decisione di candidarsi al Parlamento Europeo è un segno di coraggio e di passione politica. Lara incarna perfettamente i valori di Azione. Anche se c’è chi inneggia a più Italia, per me ci deve essere più Italia ma anche più Europa

Rispote a ViPiù: anche sicurezza e capitale umano al centro del programma di Lara Bisin

Nelle risposte a Giovanni Coviello, direttore di ViPiu.it e VicenzaPiù Viva, Lara Bisin ha approfondito le tematiche relative alla sicurezza sul lavoro e al capitale umano. “Sulla sicurezza puntiamo molto sulla formazione e sulla sensibilizzazione. È fondamentale creare un ambiente collaborativo e coeso per lavorare in sicurezza” ha sottolineato.

Sul tema dei subappalti, la candidata di Azione ha evidenziato l’importanza di una regolamentazione più stringente: “I subappalti devono essere gestiti e regolamentati. Se vengono usati come scorciatoia per eludere le norme sulla sicurezza, non ci sono scusanti.

Lara Bisin ha concluso sottolineando la necessità di una politica industriale che metta al centro le persone: “Il capitale umano è fondamentale. Dobbiamo creare reti e unire le forze per raggiungere un obiettivo comune.

Conclusione

Con un programma chiaro e una visione politica pragmatica e lungimirante, “alla Calenda” insomma, il leader che alla fine le ha fatto gli auguri in un atteso collegamento video, Lara Bisin, se eletta al Parlamento Europeo per il nordest, si propone di portare avanti i valori dell’impresa, del merito e di un approvvigionamento energetico sicuro per un futuro più prospero in Europa.