“Larte del Labbacho”. È “Serenissimo” il primo libro di divulgazione della matematica stampato al mondo

586
Larte del labbacho
Larte del Labbacho

A Palazzo Balbi, a Venezia, il presidente del Consiglio regionale, Roberto Ciambetti, nell’ambito delle celebrazioni della Giornata Internazionale della matematica e Pi Greco Day, ha  presentato la riedizione del “Larte del labbacho”, primo testo di matematica stampato al mondo ed uno dei primi manuali scientifici con destinazione divulgativa.

Prodotto da un artigiano stampatore di Treviso nel 1478 è composto da 62 pagine. Scritto in stretta lingua “Serenissima” da un anonimo (alcune fonti non verificate segnalano addirittura nello stampatore il suo autore), venne “dedicato a ciaschedun che vuole usare l’arte della marcandantia”.

Rivolto alla divulgazione della matematica fu presto riconosciuto nel suo valore dai veneziani tanto che il frate francescano Luca Paccioli, il padre della ragioneria, promosse “l’Aritmetica di Treviso”, a Venezia, destando l’interesse dei Mercanti e della Comunità bancaria e di autorevoli esponenti della cultura, come Pietro Bembo .

Secondo il curatore del libro, Quirino Bortolato, l’humus  della didattica del libro si coglie nella  semplicità linguistica del manuale, come nei termini veneziani zontar e cavar (aggiungere  e sottrarre), per spiegare il senso della matematica, in un periodo storico, in cui la Repubblica Veneta, riprendeva fiato  dalla Guerra della Lega di Cambrai.

Il libro è edito da Eriksson.

A seguire pubblichiamo anche la nota ufficiale e di dettaglio.


‘Larte del labbacho’, a cura di Quirino Bortolato, Edizioni Erickson: primo libro di matematica a stampa per raccogliere le nuove sfide economiche e produttive.

È stato presentato oggi a palazzo Ferro Fini, sede del Consiglio regionale del Veneto, ‘Larte del labbacho’, noto anche come Aritmetica di Treviso. È uno studio di Quirino Alessandro Bortolato, con la collaborazione di Camillo Bortolato, sull’incunabulo dato alle stampe nel 1478 nella capitale della Marca Trevigiana, edito da Erickson. Il testo, proposto per la prima volta in traduzione italiana, tratta principalmente degli algoritmi di calcolo scritto (addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione) per la soluzione dei problemi commerciali.

Il presidente del Consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti, ha introdotto la presentazione ricordando come “oggi si celebra il giorno della matematica e del pi greco. E proprio oggi presentiamo questo volume che costituisce il primo libro di matematica stampato al mondo ed è tra i primi testi e manuali scientifici stampati con la chiara intenzione divulgativa. ‘Larte del labbacho’ è una pubblicazione costituita da sessantadue pagine non numerate. L’impostazione didattica appare evidente ed è importantissimo notare un dato: quel libro fu pensato e scritto in lingua veneta, indirizzato a chi praticava i commerci e dunque aveva bisogno di una chiara dimestichezza con il calcolo”.

“‘Larte del labbacho’ costituisce uno spartiacque – ha spiegato Ciambetti – Chiude l’era della matematica medioevale, quella dei grandi studiosi arabi e di Leonardo Fibonacci, l’era della rinascita delle scienze esatte, e apre ai nuovi tempi e alla nuova scienza, che vede nella figura di Luca Pacioli, ancora una volta a Venezia, e ancora una volta con la stampa di quello che sarebbe diventato un best-sellers dell’epoca, uno dei primi punti di riferimento”.

“La sera dell’11 agosto 1508, il frate francescano Luca Pacioli, amico stimato di Leonardo da Vinci, tenne la lezione inaugurale dell’anno scolastico per la Scuola di Rialto, presso la Chiesa di San Bartolomeo, di fronte ad un pubblico, circa 500 persone, composto di teologi, filosofi, medici, letterati, artisti e illustri veneziani, tra cuiuna vasta presenza di mercanti – ha ricordato il presidente del Consiglio – Un successo straordinario. Venezia e il Veneto, e la loro lingua, si trovavano al centro, non solo di un ricco sistema produttivo, economico-commerciale, ma anche di scienza, ricerca e formazione. Vi era un legame strettissimo tra ricerca, innovazione, formazione ed economia avanzata. E in questo contesto, in pieno Rinascimento, un ruolo strategico veniva ricoperto dai mercanti, che stavano vivendo e scoprendo il nuovo mondo, trovandosi di fronte a problemi di proporzione, tra cui baratto, cambio valuta, intermediazione e sconto. Si capisce quindi il motivo per cui, dall’ultimo quarto del Quattrocento in poi, i ceti produttivi veneziani e quanti ruotavano attorno a Venezia davano molta importanza allo studio della matematica e dei problemi complessi: avevano capito che il mondo stava cambiando, che le nuove rotte commerciali ponevano nuovi problemi, mentre nuove potenze geopolitiche s’affacciavano prepotentemente alla storia. Ma in quel mondo che andava cambiando non è un caso se proprio in Veneto, a Treviso, viene prodotto un prezioso incunabulo, il primo manuale di matematica”.

“La lezione che giunge da quei tempi è chiara: i mercati e le sfide economico- produttive del nuovo mondo si affrontano e si vincono con la ricerca, la cultura e la sinergia tra ceti produttivi, classe dirigente e mondo del sapere – ha evidenziato Roberto Ciambetti – Da qui, il coraggio di affrontare i mutamenti con scienza e coscienza: un coraggio che salverà Venezia dopo l’episodio tragico della Lega di Cambrai e che giunge a noi come straordinaria lezione e momento di riflessione, anche alla luce dei giorni amari che stiamo vivendo. Sicuramente, ‘Larte del labbacho’ è stato uno strumento prezioso a disposizione di quanti commerciavano a livello mondiale, che li ha aiutati a fare affari e a far progredire il nostro territorio”.

L’autore dello studio, Quirino Alessandro Bortolato, ha spiegato di essere stato mosso “dalla grande passione giovanile, di studente del liceo scientifico, per i numeri e per ‘Larte del Labbacho’ in particolare, che costituisce appunto una congerie di numeri. È stato il primo libro di matematica a stampa: per la prima volta, la matematica fece ingresso nelle nuove tecnologie. Fu un’opera molto richiesta dal territorio, che aveva l’esigenza che circolasse ‘qualcosa di matematico’. Ho cercato, spinto dalla mia folgorazione giovanile, di tradurre questa congerie di numeri, di per sé difficilmente comprensibile, per far capire in modo semplice e chiaro cosa avesse voluto comunicare l’ignoto autore. Ma nel mio studio c’è anche il tentativo di spingere la politica a riscoprire e a investire in cultura e in un modo nuovo di insegnare la matematica”. L’autore ha infine chiarito come “contrariamente alla storica contrapposizione tra matematica e religione, in realtà sono stati molti i preti che si sono interessati alle scienze matematiche”, e ha lanciato un appello “il Prosecco e le Colline di Conegliano e Valdobbiadene hanno ricevuto il riconoscimento Unesco anche grazie a un ‘sottofondo’ matematico, ai conti fatti bene dagli agricoltori nel commercializzare i loro prodotti. Da qui un suggerimento: anche ‘Larte del labbacho’ e, più in generale la didattica della matematica, potrebbero ricevere il riconoscimento di patrimonio immateriale Unesco”.

Camillo Bortolato, che ha collaborato allo studio, ha sottolineato come “questo libro è molto attuale, piacevole da leggere, adatto a tutti, utile soprattutto in questo momento storico in cui si assiste a un vero e proprio smarrimento nei confronti della matematica: l’opera restituisce il vero senso di questa scienza e permette a ciascuno di noi, bambini compresi, di coltivare l’intelligenza che ognuno ha dentro di sé, senza sentirsi in difetto”.

Giuseppe Degara, Editore Erickson, ha ringraziato “il Consiglio regionale del Veneto per l’opportunità di presentare oggi questo volume che presenta una grande importanza pedagogica e culturale e che sicuramente rende onore al Veneto, a Venezia e a Treviso”.

Articolo precedentePopolazione stabile e in calo, François-Marie Arouet (Aduc): meno problemi
Articolo successivoRimedi per rincari bollette energia e benzina, François-Marie Arouet (Aduc): no allo statalismo, sì ad incentivare consumi e imprese
Marco Spiandorello , padre di cinque figli,vive e risiede a Padova. Ha compiuto inizialmente gli studi professionali turistico alberghieri, completati con un percorso economico –giuridico all'Università di Perugia . Dopo giovanili esperienze lavorative nel settore turistico alberghiero in Italia e all’estero, in particolare in Svizzera, e l'assolvimento del servizio militare , ha iniziato l’attività imprenditoriale, giovanissimo, rilevando l’azienda di famiglia, un Centro di Formazione professionale di Padova. Contemporaneamente ha alternato esperienze lavorative , sempre in Italia e all’estero ,con l’insegnamento nella scuola pubblica e l’attività di cooperazione in particolare nel Paesi dell'Est Europa e dell'Africa Centrale . Nel 1994, dopo la partecipazione al concorso nazionale,viene immesso in ruolo dal Ministero della Pubblica Istruzione, in qualità di docente di scuola superiore per le discipline di marketing e laboratorio turistico alberghiero. L’insegnamento e l’esercizio della libera professione, oltre all’attività di impresa gli permettono di lavorare in diversi settori (istruzione e formazione professionale,industria turistica,pubblicaamministrazione,pmi,università’,agroalimentare,sicurezza,lavoro,termalismo,agroambiente,comunicazione pubblica,sociale, immigrazione e cooperazione),in quasi tutte le regioni italiane,e in diversi paesi esteri(Slovacchia,Spagna,Romania,Moldavia,Albania,Bielorussia,Ucraina,e Senegal). Solo negli anni 2000 si approccia a tematiche completamente diverse dall’origine del suo itinerario personale,organizzando azioni, e progettando studi, dedicati a due ambiti cruciali della vita del nostro Paese:l’Immigrazione e la Sicurezza pubblica insieme allo Sviluppo economico del territorio. Le sue esperienze professionali hanno registrato numerose attività, in qualità di organizzatore di eventi,missioni istituzionali e di cooperazione, oltre a diverse attività redazionali e giornalistiche a mezzo stampa e radiotelevisive. E' stato consulente degli Enti strumentali della Regione Veneto e Regione (Lazio Lavoro e Veneto Lavoro) negli anni 2003-2005 relativamente a progetti di formazione lavoro e gestione dei flussi migratori provenienti dalla Moldavia,Romania e Albania. Dal 2008 al 2015 è stato amministratore di diverse società di progettazione e gestione di attività di cooperazione nei settori turistico,culturale,economico e del lavoro in Ucraina,Albania,Moldavia e Romania. Dal 2013 al 2015 ha svolto l'incarico di direttore del CIMECT (Centro Internazionale della Moldavia per lo sviluppo della cultura turistica) presso l'Università di Stato Ion Creanga di Chisinau. Ha maturato numerose esperienze tecnico -politiche “dietro le quinte” collaborando come consulente esperto di consiglieri e amministratori locali e parlamentari nazionali ed europei dal 1990 al 2010 . Dal 2011 al 2015 e’ stato coordinatore della più’ grande struttura formativa nazionale Istituti Formazione Lavoro, accreditata nel settore del benessere , con più di 1000 allievi dislocati in quattro province del Veneto, allargando la sua esperienza nel settore della formazione professionale riconosciuta e finanziata avviata nel 1992. Quest’ultima esperienza gli ha permesso di erogare attività di servizio pubblico per la Pubblica amministrazione (Regione Veneto formazione ) con la conseguente acquisizione di conoscenze e competenze nei sistemi di processo della progettazione,controllo e rendicontazione delle risorse pubbliche nazionali ed europee . Dal 2012 al 2014 è stato professore incaricato dell'Università di Stato “I. Creanga” a chisinau (repubblica di moldavia) nel Master “protecţia juridică a patrimoniului arheologic”. Dal 2016 è rientrato a tempo pieno ad insegnare laboratorio e cultura enogastronomica presso l’Istituto Alberghiero “Pietro d'Abano di Abano Terme. Dal 2017 diverse collaborazioni pubblicistiche in particolare con il giornale on line ViPiù, oltre ad essere consulente esperto per diversi enti di formazione professionale accreditati nelle regioni Emilia Romagna,Veneto,Lombardia,Lazio e Puglia. Sta completando il proprio curriculum studiorum con ulteriore percorso di formazione umanisticapresso l'Università di Padova ( corso di laurea in Progettazione e gestione del Turismo Culturale),dopo aver partecipato con una borsa di studio Erasmus ad un itinerario di studio internazionale presso l'Università Montaigne di Bordeaux, nell'anno accademico 2020-2021.