Nuova perturbazione in arrivo, in Veneto stato di Allarme. Zaia: “Prossime ore difficili, strutture regionali al lavoro”

180
Maltempo, ancora criticità, ma da metà settimana migliora

Nuovo avviso di criticità emesso dalla Protezione Civile regionale, che con l’arrivo di una nuova perturbazione e alla luce delle pesanti piogge dopo l’ondata di maltempo della settimana scorsa, ha decretato lo stato di allarme per criticità idraulica e idrogeologica rossa e arancione in alcune aree e gialla per tutta la Regione. Il presidente del Veneto Luca Zaia ha confermato la massima attenzione all’evolversi della situazione: “I bollettini previsionali rilasciati dalle strutture tecniche segnalano un’allerta rossa in particolare nel basso veronese, nella zona del Muson in provincia di Padova, nel vicentino e il basso Sile. La macchina di allertamento si è riattivata a pieno regime e abbiamo messo in campo tutte le risorse necessarie, umane e tecniche, per far fronte agli effetti delle nuove piogge. Ci auguriamo che gli effetti possano essere comune limitati e che l’allarme possa rientrare, una volta superata quest’ulteriore fase di maltempo. Chiediamo comunque alle istituzioni locali e ai cittadini di prestare attenzione alle indicazioni e di monitorare, anche online nel sito dell’ARPAV, le condizioni meteo previste e gli effetti al suolo”.

Zaia ha poi ringraziato quanti dalla settimana scorsa si stanno adoperando per monitorare la situazione e attivarsi dove serve: “Dalla scorsa settimana l’assessore alla Protezione Civile Bottacin non ha mai smesso di lavorare, riunendo l’Unità di Crisi, e restando sempre attivo con tutte le strutture regionali per le problematiche relative alle aree allagate e al ripristino dei danni. Ringrazio lui e tutti gli uomini e le donne – ha concluso il presidente – che con qualsiasi ruolo e a qualunque titolo stanno lavorando per far sì che la macchina sia perfettamente in moto anche nell’eventualità, che non ci auguriamo, che si verifichino ancora delle criticità. I nostri bacini di laminazione sono quasi tutti vuoti. Confidiamo che il sistema di prevenzione sia sufficiente a far fronte agli eventi”.