Il 1° dicembre si è aperta a Palazzo Thiene la mostra “Pennellate d’Autismo” organizzata da Lions Club Vicenza La Rotonda e dal Comune di Vicenza per sostenere l’iniziativa della Fondazione Cuore Blu – Vivere gli autismi di realizzare a Vicenza e a Verona due centri di accoglienza in cui ci saranno un centro di valutazione e formazione specializzata, un centro diurno e un luogo di accoglienza e sollievo per il fine settimana per i bimbi autistici e le loro famiglieLe opere esposte nella mostra saranno donate e le offerte devolute per la realizzazione dei centri

All’inaugurazione erano presenti il sindaco Francesco Rucco, l’assessore alla cultura Simona Siotto, il direttore Internazionale Lions Elena Appiani, il presidente del Lions Club Vicenza La Rotonda Ketty Quaglio e la vice presidente della Fondazione Cuore Blu-Vivere gli autismi Antonella Dalla Pozza.

Il sindaco Rucco ha spiegato: “abbiamo accolto questa richiesta di sostegno di sostegno a un’altra iniziativa legata al percorso culturale Pennellate d’Autismo che ha avuto grande successo l’altra volta che contiamo di rinnovare. L’appello che voglio fare da sindaco è quello di sostenere l’iniziativa e di invitare i vicentini ad esserci. Chi vive la situazione dell’autismo sa benissimo in che situazione quotidiana si vive e vogliamo stare al fianco delle famiglie che soffrono queste realtà e hanno bisogno di sostegno.”

“Devo dire grazie  – ha aggiunto il primo cittadino – alle associazioni di riferimento che stanno facendo un grande lavoro sull’accoglienza dei ragazzi in strutture adeguate al loro inserimento in società anche per farli vivere da soli una vita a tutti gli effetti come la viviamo noi.”

L’assessore alla Cultura Simona Siotto :“quello che mi piace è che questa mostra Pennellate d’Autismo sia itinerante, l’anno scorso eravamo in Basilica Palladiana, quest’anno a Palazzo Thiene. Il messaggio è che tutta la parte culturale della città partecipi ad iniziative benefiche che peraltro si sposano benissimo con il mondo culturale perchè c’è un legame profondo fra la cultura e la solidarietà. Alcune opere sono di artisti notevoli e ci sono storie meravigliose di donazioni e di messe a disposizione.”

Ketty Quaglio, presidente del Lions Club ‘La Rotonda’ ha spiegato le finalità della mostra: “sensibilizzare sull’autismo, un disturbo purtroppo sempre più frequente e che sta profondamente interessando la nostra società, basti pensare che ogni 79 bambini nati in Italia, uno è autistico ma soprattutto supportare le ‘famiglie blu’, quelle cioè che hanno un familiare affetto da questa patologia, sotto l’aspetto sanitario e formativo, e anche semplicemente affiancandole per farle sentire meno isolate e permettere loro di vivere alcuni momenti di tranquillità. Un bambino autistico deve essere seguito 24 ore al giorno.”

Gianfranco Barco, project leader del Lions Club Vicenza La Rotonda e, a sua volta professionista dell’immagine e artista dell’acquerello, dopo il successo della stessa iniziativa dell’anno scorso ha chiamato in aiuto più di cento artisti da tutto il mondo, alcuni dei quali molto quotati, chiedendo loro di creare e donare un’opera ispirata ad una frase o ad un comportamento di un bambino autistico. La raccolta di acquerelli sarà al centro della mostra, durante la quale i quadri saranno ceduti a fronte di un’offerta. L’erogazione liberale minima di 8 euro sarà proposta alle aziende per minimo 60 pezzi.

Alla esposizione si affianca l’iniziativa “Il calendario Pennellate d’Autismo” che raccoglie le immagini di tutte le opere con delle frasi ispiratrici (erogazione liberale minima 13 euro).

La mostra “Pennellate d’Autismo”  rimarrà aperta alle Gallerie di Palazzo Thiene dall’1 al 22 dicembre dalle 10 alle 17 (ultimo ingresso 17.30). Ingresso libero.

 

Articolo precedenteCittà della Speranza e Rotary Club Passport insieme per un Concerto di Natale a Vicenza
Articolo successivo310 sanificatori d’aria per asili nido, scuole dell’infanzia e impianti sportivi di Vicenza
Gianni Poggi risiede e lavora come avvocato a Vicenza. È iscritto all’Ordine dei giornalisti come pubblicista. Le sue principali esperienze giornalistiche sono nel settore radiotelevisivo. È stato il primo redattore della emittente televisiva vicentina TVA Vicenza, con cui ha lavorato per news e speciali ideando e producendo programmi sportivi come le telecronache delle partite nei campionati del Lanerossi Vicenza di Paolo Rossi, i dopo partita ed il talk show «Assist». Come produttore di programmi e giornalista sportivo ha collaborato con televisioni locali (Tva Vicenza, TeleAltoVeneto), radio nazionali (Radio Capital) e locali (Radio Star, Radio Vicenza International, Rca). Ha scritto di sport e di politica per media nazionali e locali ed ha gestito l’ufficio stampa di manifestazioni ed eventi anche internazionali. È stato autore, produttore e conduttore di «Uno contro uno» talk show con i grandi vicentini della cultura, dell’industria, dello spettacolo, delle professioni e dello sport trasmesso da TVA Vicenza. Ha collaborato con la testata on line Vvox per cui curava la rubrica settimanale di sport «Zero tituli». Nel 2014 ha pubblicato «Dante e Renzo» (Cierre Editore), dvd contenente le video interviste esclusive a Dante Caneva e Renzo Ghiotto, due “piccoli maestri” del libro omonimo di Luigi Meneghello. Nel 2017 ha pubblicato per Athesis/Il Giornale di Vicenza il documentario «Vicenza una favola Real» che racconta la storia del Lanerossi Vicenza di Paolo Rossi e G.B. Fabbri, distribuito in 30.000 copie con il quotidiano. Nel 2018 ha pubblicato il libro «Da Nobile Provinciale a Nobile Decaduta» (Ronzani Editore) sul fallimento del Vicenza Calcio e «No Dal Molin – La sfida americana» (Ronzani Editore), libro e documentario sulla storia del Movimento No Dal Molin. Nel 2019 ha pubblicato per Athesis/Il Giornale di Vicenza e Videomedia il documentario «Magico Vicenza, Re di Coppe» sul Vicenza di Pieraldo Dalle Carbonare e Francesco Guidolin che ha vinto nel 1997 la Coppa Italia. Dal 9 settembre è la "firma" della rubrica BiancoRosso per il network ViPiù, di cui cura anche rubriche di cultura e storia.