Necrologio di Mussolini sul GdV: Luisetto (PD), Della Lucilla (LeU) e Fantò (Psi) si sdegnano con chi l’ha pagato. E con chi ha pubblicato e incassato? Vicenza Più Coraggio!

911
«I partiti del centrosinistra vicentino esprimono il proprio sdegno per l’ennesima provocazione politica pubblicata oggi su “Il Giornale di Vicenza”, nella pagina dei necrologi»: così inizia una nota odierna congiunta di Pd, Psi e LeU di Vicenza per condannare il contenuto celebrativo di Benito Mussolini che appare, appunto, in una inserzione a pagamento nella famosa e lucrosa “pagina dei morti” del quotidiano locale, che da anni accetta questo tipo di inserzione, incassa qualche innocua critica, ma, soprattutto, mette a bilancio qualche euro in più, fregandosene degli antifascisti se i fascisti pagano.


Nel condividere la disapprovazione del contenuto, pagato da qualcuno, espressa da Chiara Luisetto (PD), Nicolò Della Lucilla (LeU) e Luca Fantò (Psi) come è possibile, ci chiediamo (ingenuamente), non aver condannato con altrettanto vigore chi quel contenuto l’ha pubblicato lucrandoci?
Lo immaginavo, anche se poi l’ho imparato a mie spese durante le breve eseprienza politica interna, che a Vicenza il coraggio contro il “sistema”, tra cui la sua cinghia di trasmissione mediatica è il quotidiano di Confindustria, si fermasse alle enunciazioni di principio ma non pensavo che alla coerenza dell’antifascismo non si accompagnasse, almeno quest’anno e dopo tanti esempi negativi di ritorni al passato, anche la denuncia di chi ci guadagna sui «volgari rigurgiti fascisti»: la sedicente “Continuità ideale” per lo meno paga per ricordare, in base ai suoi ideali colui che è stato un  dittatore per PD, LeU, Psi e me stesso, ma chi “incassa” non lo fa per «interessi di pochi», anzi solo della sua cassa?.
Nell’augurare a Vicenza Più Coraggio pubblichamo di seguito la nota.
 
I partiti del centrosinistra vicentino esprimono il proprio sdegno per l’ennesima provocazione politica pubblicata oggi su “Il Giornale di Vicenza“, nella pagina dei necrologi.
Una sedicente associazione ?Continuità ideale? commemora infatti la scomparsa dell’uomo che sottomise l’Italia ad una tragica dittatura, le diede le leggi ?razziali? e la trascinò nella seconda guerra mondiale.
Tale pubblicazione, nella sua apparente banalità, dimostra come ancora oggi una pseudoideologia basata sulla violenza e sulla sopraffazione, in grado di piegare un popolo agli interessi di pochi, covi sotto le ceneri dell’ignoranza, pronta a nuocere nuovamente alla nostra società.
Noi donne e uomini del centrosinistra vigileremo e cercheremo sempre di contrastare il riaffacciarsi di tali volgari rigurgiti fascisti.
Chiara Lusietto                                         Nicolò Della Lucilla            Luca Fantò
Segretario provinciale del PD vicentino  ?Liberi e Uguali Vicenza?   Segretario regionale PSI del Veneto