No Vax liberi a “casa loro”? Un lettore: “vacciniamo tutti i Sì Vax, poi ultimo appello a non “diventare seri quando apparterremo alla morte” (‘A livella)

'A livella
'A livella" di Totò, Antonii de Curtis
- Pubblicità -

Gentile direttore alo letto il suo, come lei stesso scrive, provocatorio articolo “No Vax come gli ebrei e Vaticano in rosso? I primi liberi a casa loro, il secondo di buttar soldi ma non i nostri!” e le affido queste mie considerazioni sul tema dei vaccini per farne l’uso che vuole.

Fa rabbrividire sentire le argomentazioni di alcuni No fax e le analogie che sono state tirate in ballo, (qui anche cosa ne ha detto la senatrice a vita e testimone della Shoah Liliana Segre, ndr) ma non è sul piano logico che si può discutere, la logica si è persa da tempo, dall’una e dall’ altra parte perché per sostenere la propria posizione si pensa di poter usare ogni argomento.
Ho sentito proprio ieri la testimonianza di un amico che ha contratto il virus in modo grave e che ha anche perso la mamma per questo. Ha descritto il pronto soccorso Covid come un girone dantesco per le sofferenze che ha visto oltre ad aver vissuto la sua che l’ha segnato. Gli ho chiesto se consiglierebbe il vaccino, la risposta è stata secca: “ho già fatto una dose perché già l’avevo avuto, ho avuto pure la febbre per un giorno, ma dopo quello che ho passato non ho esitato“.
Ma ne ho sentito anche un altro che ha chiesto di potersi vaccinare e che ha avuto appuntamento fra un mese per la prima dose. Quindi il ciclo sarà completo fra circa 2 mesi.
Ora parlare di Green Pass per andare al ristorante in questo momento è stato eccessivo, probabilmente una provocazione per accelerare il processo di vaccinazione.
Il problema, salvo alcune categorie per le quali deve essere obbligatorio perché non è ammissibile che persone che studiano scienze mediche non lo facciano e, se siamo cavie, lo facciano fare agli altri beneficiando dell’ immunità che garantiamo anche a loro, è che si deve porre, a parere mio, la questione quando tutti coloro i quali vogliono il vaccino avranno avuto la possibilità di farlo.

Allora si dovrà fare l’ultimo appello. Chi non si vorrà vaccinare dovrebbe fare una bella dichiarazione scritta con la quale si assumerà tutti costi medici, come dice Ilaria Capua (professoressa e direttrice dell’One Health Center of Excellence – Università della Florida, ndr), che eventualmente si dovranno affrontare in futuro per loro se ricoverati, e questo per non aver avuto la “diligenza del buon padre di famiglia” nel cercare quantomeno di mitigare questo rischio.
Ma al tempo stesso lo stato esca dall’ ambiguità. Di vaccino si può talvolta, anche se pochissime volte, anche morire, non costringa le famiglie a cause, stipuli una bella assicurazione a favore di quegli, fortunatamente pochi, che avessero problemi che magari perdurano nel tempo o che incontrano la morte. Non deve essere un argomento tabù.

In definitiva bisogna parlarsi chiaro: tutti devono farlo il vaccino, forse in questo modo si otterrebbe anche il più importante dei vaccini quello contro l’ignoranza e la diffidenza perché non bastano talk show e manifestazioni di piazza ma poche parole e azioni dettate da una sana logica.

Le speculazioni lasciamole agli altri, non aspettiamo, come Totò, il principe Antonio de Curtis, che diceva nella sua poesia “la livella “ a diventare “seri quanto apparterremo alla morte”

S.R. (lettera firmata)


‘A Livella
La livella è le escroveto che l’usa il muratore per nivelari il muro, dunque
Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
Per i defunti andare al Cimitero
Ognuno ll’adda fà chesta crianza
Ognuno adda tené chistu penziero
Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno
Di questa triste e mesta ricorrenza
Anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
Il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza
St’anno m’é capitato ‘navventura
Dopo di aver compiuto il triste omaggio
Madonna, si ce penzo, e che paura!
Ma po’ facette un’anema e curaggio
‘O fatto è chisto, statemi a sentire
S’avvicinava ll’ora d’à chiusura
Io, tomo tomo, stavo per uscire
Buttando un occhio a qualche sepoltura
“Qui dorme in pace il nobile marchese
Signore di Rovigo e di Belluno
Ardimentoso eroe di mille imprese
Morto l’11 maggio del’31”
‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto
Sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine
Tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto
Cannele, cannelotte e sei lumine
Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
Nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella
Abbandunata, senza manco un fiore
Pe’ segno, sulamente ‘na crucella
E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”
Guardannola, che ppena me faceva
Stu muorto senza manco nu lumino
Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo
Chi ha avuto tanto e chi nun ave niente
Stu povero maronna s’aspettava
Ca pur all’atu munno era pezzente?
Mentre fantasticavo stu penziero
S’era ggià fatta quase mezanotte
E i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero
Muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte
Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano
Stongo scetato… dormo, o è fantasia?
Ate che fantasia; era ‘o Marchese
C’o’ tubbo, ‘a caramella e c’o’ pastrano
Chill’ato apriesso a isso un brutto arnese
Tutto fetente e cu ‘nascopa mmano
E chillo certamente è don Gennaro
‘Omuorto puveriello’ o scupatore
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro
So’ muorte e se ritirano a chest’ora?
Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo
Quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto
S’avota e tomo, tomo, calmo, calmo
Dicette a don Gennaro: “Giovanotto!”
Da Voi vorrei saper, vile carogna
Con quale ardire e come avete osato
Di farvi seppellir, per mia vergogna
Accanto a me che sono blasonato!
La casta è casta e va, si, rispettata,
Ma Voi perdeste il senso e la misura
La Vostra salma andava, si, inumata
Ma seppellita nella spazzatura
Ancora oltre sopportar non posso
La Vostra vicinanza puzzolente
Fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
Tra i vostri pari, tra la vostra gente
“Signor Marchese, nun è colpa mia
I’nun v’avesse fatto chistu tuorto
Mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria
I’ che putevo fa’ si ero muorto?
Si fosse vivo ve farrei cuntento
Pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
E proprio mo, obbj’…’nd’a stu mumento
Mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”
“E cosa aspetti, oh turpe malcreato
Che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
Avrei già dato piglio alla violenza!”
“Famme vedé.-piglia sta violenza
‘A verità, Marché, mme so’ scucciato
‘E te senti; e si perdo ‘a pacienza
Mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!
Ma chi te cride d’essere, nu ddio?
Ccà dinto, ‘o vvuo capi, ca simmo eguale?
Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
Ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”
“Lurido porco! Come ti permetti
Paragonarti a me ch’ebbi natali
Illustri, nobilissimi e perfetti
Da fare invidia a Principi Reali?”
“Tu qua’ Natale, Pasca e Ppifania
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo’ int’a cervella
Che staje malato ancora è fantasia?
‘A morte ‘o ssaje ched”e? è una livella.
‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo
Trasenno stu canciello ha fatt’o punto
C’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme
Tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?
Perciò, stamme a ssenti, nun fa”o restivo
Suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive
Nuje simmo serie, appartenimmo à morte!”

-Pubblicità-